Quotidiano Nazionale logo
14 apr 2022

"Controlli al semaforo, 950 multe in tre mesi"

Boom di verbali con la telecamera installata sull’impianto vicino alla chiesa di Sant’Anna. Mazzoni: "Presto un’altra in direzione opposta"

giorgio giannaccini
Cronaca
Giulio Casciotti e Marco Mazzoni
Giulio Casciotti e Marco Mazzoni
Giulio Casciotti e Marco Mazzoni

di Giorgio Giannaccini

Dietrofront del Comune di Potenza Picena, che alla fine ha deciso di rinunciare al progetto di installare un autovelox lungo il tratto della strada Statale che passa nel centro abitato di Porto Potenza.

Tuttavia, l’ente comunale fa inoltre sapere che la telecamera installata tre mesi sul semaforo nei pressi della chiesa di Sant’Anna ha già registrato quasi mille multe, perché gli automobilisti sono passati col rosso. E’ quanto illustrato, martedì pomeriggio, dal vicesindaco Giulio Casciotti e dall’assessore al bilancio Marco Mazzoni, durante l’assemblea pubblica di presentazione del bilancio preventivo.

"Il discorso autovelox è stato azzerato – ha affermato Mazzoni –. Tra l’altro come Comune avremmo guadagnato quasi nulla dalle multe, visto che circa la metà degli incassi va direttamente all’Anas, mentre il Comune paga i costi per il noleggio delle attrezzature. In realtà, come amministrazione comunale, avevamo fatto richiesta alla prefettura e Anas per installare l’autovelox nel 2022, all’altezza dell’istituto Santo Stefano. Questo perché sia la strada Statale che la strada Regina hanno un grosso tasso di incidentalità. Ma a metà marzo la prefettura ci ha fatto sapere che l’autorizzazione concessa per l’installazione dell’autovelox era basata su un calcolo di viabilità fatto 20 anni fa, quindi non andava più bene e bisognava ricalcolare il tutto".

Allo stesso tempo, Mazzoni ricorda che, sempre lungo la strada Statale, "sul semaforo che sta all’altezza della chiesa di Sant’Anna, è stata installata una telecamera per individuare e multare gli automobilisti che passano col rosso. Ma questo solo nella corsia in direzione sud-nord. Ebbene – aggiunge Mazzoni –, a tre mesi dall’installazione, sono state elevate 949 multe per tale infrazione, circa 13 verbali al giorno. Una cifra incredibile che ci fa capire le criticità di quel tratto, ma ci consola il fatto in questi tre mesi è diminuito il numero di incidenti. Perciò abbiamo stimato, per il 2022, tra i 500mila e 600mila euro di proventi derivanti dalle violazioni al codice della strada. Siccome i soldi che riceveremo dalle multe sono vincolati, stiamo pensando di installare un’altra telecamera che rilevi chi passa col rosso sempre in quel semaforo, ma stavolta nella corsia in direzione nord-sud. Inoltre, sempre con quelle risorse vogliamo realizzare degli attraversamenti illuminati e rifare il manto di alcune strade".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?