Da sinistra Tosoni, il sindaco Ciarapica e Profili, concordi e affiatati dopo le tensioni
Da sinistra Tosoni, il sindaco Ciarapica e Profili, concordi e affiatati dopo le tensioni

Civitanova, 3 agosto 2019 - La notizia è ufficiale: tra Civitanovese e Sangiustese è stato trovato in via definitiva l’accordo per l’uso del Polisportivo comunale. Ufficiosamente lo si sapeva da tempo, il sindaco aveva già preannunciato la scelta sulla quale non sono mancate le polemiche da parte di un’ala della tifoseria e, in parte anche della politica. Quella che invece è a tutti gli effetti la novità è vedere accanto al sindaco Ciarapica Mauro Profili (presidente della Civitanovese) e Andrea Tosoni (della Sangiustese) posare sorridenti e soddisfatti. E se da una parte la cosa è comprensibile per Tosoni, che aveva chiesto l’uso del campo, è meno comprensibile per Profili che a tale concessione si era sempre opposto.

Una conversione sulla via di Damasco? E dovuta a che cosa? È qui il mistero dell’incontro, che forse (sottolineamo forse), potrebbe schiudere la strada ad un’ipotesi che pure in passato aveva fatto capolino ma che poi era morta lì: l’intesa tra Civitanovese e Sangiustese si esaurisce nel solo uso del campo, oppure prefigura accordi futuri circa gli assetti societari delle due realtà sportive? Ai posteri l’ardua sentenza.

A ratificare l’accordo di ieri, è stato inviato un sintetico comunicato. «Promossa dal sindaco Fabrizio Ciarapica, nella sala dell’Amicizia di Palazzo Sforza si è svolta la riunione per chiarire e risolvere alcuni timori sorti in città, relativi all’utilizzo del Polisportivo in occasione dell’imminente stagione sportiva 2019/2020. Le problematiche affrontate si legano, nello specifico, alla richiesta pervenuta da parte della Sangiustese di poter utilizzare per le partite casalinghe il Polisportivo. I rappresentanti delle due società, grazie alla mediazione svolta per l’occasione dal sindaco Ciarapica, si sono confrontati e chiariti su svariati aspetti, giungendo alla conclusione che la squadra di casa non subirà alcun pregiudizio dalla presenza della Sangiustese e che in prospettiva ci sarà tra le due compagini la massima collaborazione».

Sibillino il suggello del comunicato: l’obiettivo dell’accordo è anche quello di «ricercare utili sinergie in un’ottica di crescita sportiva e di grande rilancio del calcio cittadino». Insomma, un motivo in più per chiedersi se dietro i sorrisi sfoggiati nella foto ci sia solo l’uso del polisportivo oppure se dietro l’ angolo ci siano altri obiettivi.