Fermo, Oleg Kuzmenko è stato trovato morto sotto al ponte di Lido Tre Archi (Zeppilli)

Fermo, 6 novembre 2019 - Arresto cardiaco, molto probabilmente causato da overdose, e nessuna lesione tale da provocare il decesso di Oleg Kuzmenko. E’ questo quanto emerso dall’autopsia effettuata ieri pomeriggio sulla salma del 39enne ucraino trovato morto sotto al ponte che collega Lido Tre Archi a Porto sant’Elpidio.

LEGGI ANCHE Nel mirino il cellulare del Russo

Le ferite al volto e al naso, con le conseguenti macchie di sangue trovate sul terreno, non sono state così gravi da condurre al decesso dell’uomo, ma sono piuttosto riconducibile ad una probabile caduta sulle pietre lungo il fiume. E’ lì che, sabato mattina, Kuzmenko (foto) è stato trovato, a pancia in sotto, con indosso jeans, giubbotto, scarpe da tennis.

C’era anche il suo inseparabile zainetto con all’interno anche il documento di identità e alcuni fogli legati a provvedimenti giudiziari nei suoi confronti. Esclusa dunque, ufficialmente la pista della rapina o dell’aggressione, quindi l’omicidio. Gli investigatori si stanno concentrando sulla pista dell’overdose. Su questo fronte, però, bisognerà attendere l’esame tossicologico sui liquidi corporei e sui capelli della vittima raccolti durante l’esame autoptico, per capire se l’uomo aveva assunto droghe o altre sostanze psicotrope. Intanto l’autopsia ha accertato che Kuzmenko è deceduto circa 20 ore prima del ritrovamento della salma, quindi nel pomeriggio di venerdì.

GIALLO2_34750066_141618