Operai al lavoro nel ponte sul canale Burana. Presto toccherà al ponte di San Giovanni
Operai al lavoro nel ponte sul canale Burana. Presto toccherà al ponte di San Giovanni

Bondeno, 30 novembre 2019 -  ‘Un intento risolutivo’ per mettere con urgenza mano alla pavimentazione del ponte di San Giovanni. L’ha deciso la giunta con un primo atto risolutivo. Chi cammina sulla passerella pedonale traballa, i lastroni sono rotti, si muovono sotto i piedi e in alcuni punti si vede pure il fiume sotto. Che necessitassero di un intervento era risaputo. Il ponte è stato costruito alla fine degli anni Settanta, ha bisogno di manutenzione e il primo passo muove proprio là dove insiste l’unico passaggio in sicurezza. Perché non c’è neppure una pista ciclabile. Il Comune doveva prendere in mano la situazione.

«Avevamo avuto da tempo segnalazioni da parte dei cittadini – spiega l’assessore ai lavori pubblici, Marco Vincenzi – ed abbiamo cercato di intervenire con la massima sollecitudine, perché questi lavori non potevano più aspettare». C’è un primo passo che, dopo i rilievi dei tecnici che guardano ad interventi più corposi nei prossimi mesi, partono dalla pavimentazione. L’ amministrazione ha messo a disposizione 7 mila e 200 euro per il progetto definitivo-esecutivo, dei quali 5 mila e 700 saranno necessari per il cantiere vero e proprio, mentre il resto attiene agli oneri per la sicurezza. Le risorse necessarie agli interventi saranno attinte dal capitolo di bilancio relativo alla

«Manutenzione straordinaria di strade e guard-rail, e ripresa frane». L’approvazione in Giunta del provvedimento consentirà ora ai dirigenti del municipio di dare il via libera all’assegnazione dei lavori. Un progetto realizzato direttamente dall’ufficio tecnico comunale, dal geometra comunale Paolo Romoli. E’ stata realizzata «la progettazione necessaria alle operazioni di rimessa in sicurezza del passaggio pedonale – spiega – che costeggia il ponte sul Panaro».

L’intervento di manutenzione straordinaria è corredato da relazione tecnica, computo metrico estimativo, capitolato speciale descrittivo e prestazionale, assieme a un elenco dei costi e ad una documentazione fotografica sullo stato di usura del passaggio pedonale, che viene conservata agli atti degli uffici tecnici, mentre il direttore dell’esecuzione degli stessi sarà lo stesso Paolo Romoli. Il provvedimento ha ricevuto anche il dovuto parere di regolarità tecnica e, dunque, ora si potrà procedere. «Ringraziamo i cittadini che, costantemente, ci portano al correte delle criticità presenti sul territorio – sottolinea l’assessore Marco Vincenzi – e anche grazie alla loro costante collaborazione riusciamo a risolvere nei tempi possibili per un’amministrazione pubblica». Una scelta condivisa, che parte da un persistente tam tam di segnalazioni dei cittadini. C’era stata anche un’interpellanza presentata dal Pd. Il sindaco Fabio Bergamini, che ha completato, attraverso il mandato della giunta ad una ditta specializzata, i rilievi su tutti i 90 ponti del territorio comunale, aveva annunciato anche che il ponte di San Giovanni sarà presto al vaglio di possibili altri interventi.