Quotidiano Nazionale logo
22 mar 2022

Formula 1, già venduti trentamila biglietti

Cinque nuove tribune provvisorie per il Gp in attesa dell’apertura dei prati. Domenicali: "Tosa e Rivazza piene come ai bei tempi"

enrico agnessi
Cronaca
Pietro Benvenuti, direttore generale dell’autodromo Enzo e Dino Ferrari
Pietro Benvenuti, direttore generale dell’autodromo Enzo e Dino Ferrari
Pietro Benvenuti, direttore generale dell’autodromo Enzo e Dino Ferrari

di Enrico Agnessi

L’inizio da urlo delle Ferrari nel Mondiale di Formula 1 mette il turbo alla prevendita dei biglietti per il Gran premio di Imola del 22-24 aprile. Superata ieri quota 30mila tagliandi staccati. Complice anche il fatto che al momento si ragiona sempre sul 75% della capienza, con la vendita dei biglietti circolari e quelli per i prati ancora in attesa del via libera del Governo, alcune tribune dell’Autodromo sono già virtualmente sold-out per la gara della domenica 24.

Aspettando che il 1° aprile la fine dello stato di emergenza faccia accendere il disco verde per l’ulteriore 25% dei posti disponibili, con altri biglietti pronti a finire sul circuito Ticketone, è già impossibile acquistare tagliandi per le tribune Rivazza, Acque minerali e Variante Villeneuve. E anche due terzi degli spalti sul rettilineo di partenza sono già sold-out. Insomma, a distanza di 16 anni dall’ultima gara con il pubblico nel circuito (Gran premio di San Marino 2006, prima degli ultimi due eventi a porte chiuse), la voglia dei tifosi di tornare a Imola è tanta. Per questo motivo, Formula Imola è pronta ad allestire cinque ulteriori tribune provvisorie, oltre a quelle annunciate nei giorni scorsi, tra variante Villeneuve, curva Tosa e blocco centrale in modo da aumentare l’attuale capienza dell’Enzo e Dino Ferrari di altre 4-5mila unità.

"Contiamo di poter partire a breve con la vendita dell’altro 25% dei posti a sedere – è il piano del direttore generale dell’Autodromo, Pietro Benvenuti –. E poi aspettiamo il via libera anche per i prati e i tagliandi circolari, in questo caso magari anche con qualche limitazione sulla capienza. Avevo detto di puntare complessivamente a 80mila spettatori, e lo confermo. Una Ferrari così, poi, ci dà una grande mano. Dopo tante critiche, si è dimostrata la macchina più affidabile. Sarà davvero un grande spettacolo".

Sensazioni simili per l’imolese Stefano Domenicali. "La settimana prossima ci sarà un’altra gara – ha ricordato ai microfoni di Sky Sport il ceo della Formula 1 dopo il GP del Bahrain vinto da Charles Leclerc –. Poi c’è Melbourne e quindi Imola. Io sono convinto che troveremo le curve Tosa e Rivazza piene come ai bei tempi. La soddisfazione per i nuovi regolamenti sta nel vedere una gara bella, intensa e interessante per tutti. Poi vedere la Ferrari così competitiva è un segnale straordinario. Con prudenza lo dico, ma sono molto contento".

Soddisfazione e auspici positivi, compatibilmente con le difficoltà del momento, anche sul fronte istituzionale. "Dopo il ritorno della Ferrari con il trionfo e il secondo posto in Bahrain, immagino che ci sarà la corsa a prenotare il biglietto per Imola, il primo Gran premio di Formula 1 in calendario che si correrà in Europa", ha dichiarato ieri il presidente della Regione, Stefano Bonaccini. "Pronti e carichi per vivere queste emozioni anche a Imola tra poche settimane", sono state invece le parole con le quali il sindaco Marco Panieri ha commentato via social la doppietta Rossa di domenica.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?