Quotidiano Nazionale logo
5 mar 2022

Lui ucraino, lei è russa. Uniti dalla musica

Oleksandr Semchuk e Ksenia Milas, sposati, sono violinisti e abitano in città. "Invito al dialogo: è una tragedia da entrambe le parti"

Ksenia Milas e il marito Oleksander Semchuk sul palco
Ksenia Milas e il marito Oleksander Semchuk sul palco
Ksenia Milas e il marito Oleksander Semchuk sul palco

Lei, Ksenia Milas, è russa, lui, Oleksandr Semchuk, è ucraino. Sono moglie e marito dal 2009 ed entrambi violinisti. Sono i protagonisti dello show ‘La musica che unisce’, una campagna per la pace, che parte oggi a Sanremo. La coppia, che abita nella nostra città, vive con tensione ciò che accade in Ucraina. Il paese natale di Oleksandr, dove vivono alcuni familiari, è stato bombardato. "Noi siamo un esempio di amore tra due persone di Paesi in guerra. Il mio appello è per il dialogo", dice Semchuk. "Le tensioni c’erano da anni, ed era difficile dare torto o ragione a qualcuno. Mio marito ha parenti in diverse parti dell’Ucraina. Il primo bombardamento ha coinvolto l’aeroporto della sua città natale", racconta lei. "Le bombe sono cadute vicino alla casa della mia sorellastra a Ivano–Frankivs’k", sottolinea Oleksander ricordando di aver sentito subito al telefono la donna. "È una tragedia da entrambe le parti – prosegue Ksenia –. In Ucraina la situazione è tragica: muoiono i civili e abbattono i monumenti, che testimoniano la loro storia e la loro cultura. Sono due popoli fratelli: molti russi hanno parenti in Ucraina e viceversa. I miei nonni, ad esempio, erano di Odessa, ma io sono russa. La guerra è il modo sbagliato per risolvere le crisi". La coppia sottolinea che questa è la guerra di Putin e non del popolo russo:. "Alcuni miei amici di San Pietroburgo sono usciti per pochi minuti in strada, mostrando un cartello per la pace e sono stati arrestati – dice Ksenia –. La maggior parte dei russi è contro la guerra. Come anche tanti soldati. Molti sono stati mandati a combattere senza sapere cosa stesse accadendo veramente, hanno pensato si trattasse di una esercitazione. Molti hanno abbandonato le armi, perché non vogliono sparare agli ucraini". La coppia è critica anche ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?