Imola, 24 giugno 2018 - L’Orologio segna mezzanotte e un quarto quando, in piazza Gramsci, si stappa lo spumante. Il centrosinistra, dopo 73 anni, non governa più a Imola. A mandarlo ko, dopo la forte spallata del primo turno, è Manuela Sangiorgi del Movimento 5 stelle, prima sindaco donna della città. Consigliera comunale uscente, responsabile del patronato Uil, la 46enne Sangiorgi ha battuto la rivale Carmen Cappello portandosi a casa il 55,44% dei voti contro il 44,56% della candidata sindaco del centrosinistra, che al primo turno si era però assicurata il 42% dei consensi.

Una svolta epocale che sa di impresa, perché Imola ha così cessato di essere la roccaforte considerata invicibile, sia per il fortissimo radicamento del partito, sia per la presenza di moltissime grandi cooperative che per anni sono state una forma di finanziamento e di creazione di consenso per il centrosinistra.

IMOLA BALLOTTAGGIO_32031810_013556

“Ho una bellissima squadra che mi farà quadrato attorno – afferma la Sangiorgi, salita in Comune scortata da decine di simpatizzanti grillini al grido di ‘Tutti a casa’ -. Non ho paura, anche se so che il percorso sarà in salita e pieno di difficoltà, ma un po’ alla volta le supereremo insieme. Sempre per il bene degli imolesi”.

image

Delusa la sfidante Cappello. “Si sono saldati gli elettorati – allarga le braccia l’ex candidata sindaco del centrosinistra –. Avevamo un progetto di ricostruzione del centrosinistra che non dovrà fermarsi. Buon lavoro e complimenti agli avversari. Se mi dimetterò dal ruolo di consigliere comunale? Farò un discorso con tutta la coalizione, vedremo. Saranno decisioni che, nel dettaglio, verranno prese nei prossimi giorni”.

I voti del centrodestra sono passati praticamente in blocco al Movimento 5 Stelle. La candidata del centrosinistra Carmen Cappello (che al primo turno aveva preso il 42%) è avanzata di pochi punti percentuali perdendo qualche centinaio di voti in termini assoluti, mentre la Sangiorgi (M5S) partiva dal 29,3% ed ha raggiunto il 55,4%, vincendo con quasi 4mila voti di scarto. Decisivi sono stati i voti del centrodestra che due settimane fa si era fermato al 23,1%. 


image

"Imola e Avellino sono 5 stelle! Sono risultati STRAORDINARI in due città dove da 70 anni dominavano i partiti e gli uomini della Prima Repubblica: a Imola il PCI e poi i partiti del centrosinistra, ad Avellino la Dc". Lo scrive il ministro Luigi Di Maio, leader di M5s su Facebook. "Due risultati che sono arrivati questa sera devono renderci molto ORGOGLIOSI: Imola e Avellino da oggi hanno due sindaci 5 Stelle: Manuela Sangiorgi e Vincenzo Ciampi!".

Anche Manuela Sangiorgi non ha tardato poi a manifestare il suo entusiasmo su Facebook: "Grazie Imola", seguito da un cuoricino rosso con sotto la foto simbolica della presa del palazzo, con la bandiera dei 5 stelle che sventola dalla finestra d'onore. Questo il suo post sul social network. 

IL COMMENTO / Svolta storica come quella di Guazzaloca a Bologna - di Beppe Boni

image

Per vedere i risultati del ballottaggio clicca qui.

Affluenza a Imola: clicca qui per il dato definito