Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
23 lug 2022
23 lug 2022

Concerti e guide musicali Ferrante primo ospite

Le introduzioni all’ascolto sono curate dalla musicologa. Maria Chiara Mazzi

23 lug 2022

Prenderà il via a Recanati, nell’ultimo fine settimana di luglio, la rassegna organistica permanente Gaetano Callido, organizzata dall’associazione Controvento Aps con il patrocinio della Regione Marche, la collaborazione della parrocchia San Francesco, l’associazione Beniamino Gigli e il centro Aiuto alla vita di Recanati. La rassegna si pone il duplice obiettivo di valorizzare l’organo Gaetano Callido della chiesa di San Francesco, il più antico funzionante della città di Recanati e di promuovere la musica per organo. Il Gaetano Callido della Chiesa di San Francesco a Recanati è l’organo funzionante più antico della città e il suo motore è stato recentemente ripristinato grazie al contributo di Controvento Aps in memoria del presidente Lucio Borgognoni, recentemente scomparso, a cui è dedicata la rassegna. Fino a dicembre 2022 sono previsti tre concerti per organo e tre guide all’ascolto, che si svolgeranno nella sala della musica dell’associazione. Le guide all’ascolto saranno tutte curate dalla musicologa Maria Chiara Mazzi, docente del conservatorio Gioachino Rossini di Pesaro con il contributo artistico del pianista Matteo Simonetti. La direzione artistica della rassegna è dell’organista Francesco Cingolani. La prima guida all’ascolto è venerdì 29 luglio, alle 19 con "Prima delle note", mentre il giorno dopo alle ore 21.15, si entrerà nel vivo della rassegna con il primo concerto dall’organista Mauro Ferrante che prevede un ricco programma con brani composti tra gli inizi del Seicento e la metà del Settecento. L’introduzione al concerto, con note illustrative dei singoli brani in programma, sarà curata da Laura Borgognoni Pelati, giornalista e musicologa. La sede ospita anche l’associazione Beniamino Gigli e gestisce la biblioteca Borgognoni che fa parte del Sistema Bibliotecario Regionale Marche Sud.

Antonio Tubaldi

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?