Macerata Opera Festival 2019, la prima con la Carmen
Macerata Opera Festival 2019, la prima con la Carmen

Macerata, 19 luglio 2019 - Lo Sferisterio si illumina al tramonto della nuova luce che da gialla si tinge di rosso per dare il via alla 55esima stagione lirica firmata da Barbara Minghetti e dal direttore musicale Francesco Lanzillotta.

Anche i capelli della direttrice artistica per l'occasione hanno cambiato colore e si sono tinti di alcune sfumature #rossodesiderio, in tema con il filo conduttore della stagione, che si aperta puntuale alle 21 con la “Carmen” diretta da Jacopo Spirei.

LEGGI ANCHE Il programma del Mof

false

Il colore ha conquistato anche il pubblico dello Sferisterio, moltissime le spettatrici arrivate in abito rosso e che non hanno perso occasione per farsi un selfie davanti all'arena. Tutto esaurito per la prima di una “Carmen parigina, in cui è stato tolto il folklore per rappresentarla per quello che è – ha raccontato il regista Spirei - una cornice, uno sfondo, un profumo, come un’essenza che si sprigiona dalle pareti di un café-concert: uno spettacolo ambientato in Spagna allestito da un cabaret parigino tipo il Crazy Horse”.

Uno spettacolo pieno di lustrini e ballerini che si sono alternati sulla scena, danzando in abiti succinti. Tra il pubblico della prima anche il giornalista Giuliano Ferrara, arrivato da Civitanova dov'era protagonista di un incontro pubblico, poi l'archistar Italo Rota impegnato in città nell'allestimento della mostra per celebrare i cento anni del Bauhaus, oltre a moltissimi imprenditori e politici locali.

Emozionato il sindaco Romano Carancini, alla sua ultima stagione lirica prima della fine del mandato il prossimo anno. “Ogni volta è una grande emozione – racconta –, ma siamo convinti che il pubblico rimarrà soddisfatto perché il livello artistico di quest'anno è altissimo. Volevo ringraziare anche i commercianti che hanno allestito i loro negozi nel segno dell'accoglienza per chi arriverà in città per quello che siamo convinti sia l'evento più importante”.