GIACOMO GIAMPIERI
Economia

Sei influencer dall'America alle Marche per valorizzare calzature e pelli: il programma

Progetto ‘Oltre Frontiera’: i social networkers arriveranno lunedì e ripartiranno giovedì. Dal 7 al 9 agosto, invece, toccherà a otto imprese 'nostrane' raggiungere gli Usa per la Project/Magic di Las Vegas, il più importante evento moda negli Stati Uniti

Vetrina moda Marche

Vetrina moda Marche

Ancona, 22 luglio 2023 – Arrivano dall'America per rafforzare il legame nel settore delle calzature e delle pelli, ma anche per raccontare la singolarità marchigiana che plasma manifattura e stili di vita. Da lunedì 24 e fino a giovedì 27 luglio, in regione, faranno tappa sei influencer statunitensi da oltre 500mila follower, i quali visiteranno aziende e territori, dal Conero fino a Villa Lattanzi di Fermo, dove saranno realizzati dei corner dedicati alle imprese per esporre prodotti iconici del brand, da veicolare tramite i popolari social networkers made in Usa. È quanto previsto dal progetto 'Oltre Frontiera', predisposto dalla Regione in collaborazione con Ice-Agenzia, Svem e Linea-Azienda Speciale della Camera di Commercio. Nelle Marche sono attesi Olga Ferrara, 300mila follower, Ann Caruso, 67mila, Diego Dandy in the Bronx, socializzato in men’s style, 47mila; Domenico Vacca, 60mila, Eleonora Pieroni, ambasciatrice del Made in Italy, della Cultura italiana e del Turismo delle Radici a New York e la giornalista Tijana Ibrahimovic, che porta, a sua volta, altri migliaia di follower. Il progetto prevede anche la partecipazione di otto aziende, opportunamente selezionate, alla Project/Magic di Las Vegas, dal 7 al 9 agosto: una manifestazione riconosciuta come il più importante evento moda negli Stati Uniti, per consentire un contatto diretto con gli operatori del mercato “a stelle e strisce”. Una partecipazione realizzata in collaborazione con l’Ice di New York.

Il progetto 'Oltre Frontiera’

Ad illustrare 'Oltre Frontiera', finanziato per 220mila euro dalla Regione, l'assessore alle Attività produttive e all'Internazionalizzazione Andrea Maria Antonini: “Il mercato Usa è un mercato sicuramente interessante, dalle enormi potenzialità di sviluppo ma complesso e diversificato. Per questo la Regione Marche ha voluto strutturare un progetto, articolato e sistemico, di approccio verso il mercato americano”, dice prima di entrare nei dettagli. “Un progetto che ci ha visto organizzare, in primavera, alcuni webinar di informazione/formazione, a giugno uno studio di settore e incontri personalizzati proposti alle imprese, e ora anche il coinvolgimento degli influencer perché siamo convinti che i social media oggi siano fondamentali per comunicare un messaggio in modo rapido, diretto, creare interesse, farsi conoscere a una platea molto più vasta – sostiene Antonini –. La collaborazione di influencers è un ulteriore mezzo per scoprire l’eccellenza delle nostre produzioni manifatturiere e, contemporaneamente, il territorio marchigiano e il suo mix perfetto di bellezze naturalistiche, storiche e artistiche, in cui le nostre imprese affondano le proprie radici”. Per il presidente della Società di sviluppo Europa Marche (Svem), Andrea Sartori si tratta di “un piano di ingresso nel mercato americano a più fasi. Dopo il primo step, ovvero lo studio delle aziende marchigiane interessate a lavorare con gli Stati Uniti, i seminari informativi e lo studio del mercato americano, ecco un’altra azione: la visita degli influencer americani nelle Marche. Un modo per far vedere, oltre che testare, la qualità del nostro made in Marche e i luoghi dove viene realizzato”. Nel piano predisposto con la Regione e la Camera di Commercio delle Marche, che ha messo a disposizione l'azienda speciale Linea, guidata dalla presidente Francesca Orlandi, ci sarà poi un terzo step, che è la partecipazione alle fiere di settore pelli e calzature in America, a cominciare appunto da quella di Las Vegas.

“La diversificazione dei mercati di vendita è fondamentale per le imprese e gli ottimi risultati delle performance del mercato Usa, ci hanno spinto a organizzare progetti mirati e articolati con più iniziative – aggiunge Orlandi –. L'arrivo del gruppo di influencer mette a disposizione delle imprese partecipanti al progetto uno strumento di comunicazione e promozione nuovo. È l'occasione per una narrazione social del made in Marche che utilizzerà i prodotti dei settori fashion e calzature per raccontare qualità e storia delle aziende, tutto coniugato con l'accoglienza straordinaria del territorio”. Senza dimenticare “le tante bellezze naturali del territorio che verranno fotografate durante l'incoming”.