Bologna, 25 luglio 2021 - Da lunedì 26 luglio torna l'allerta su tutta Italia con il ritorno del caldo africano: per fronteggiare le ore più roventi della giornata, però, c'è qualche trucchetto che vi indichiamo in questo video.

Previsioni meteo Emilia Romagna

In Emilia-Romagna e tra le città in cui il caldo si farà più sentire ci saranno Bologna, Ferrara, Ravenna e Forlì. Questo è quanto emerge dalle previsioni meteo sul rischio calore fornite dall'Arpae Emilia-Romagna per i prossimi giorni. Già durante quest weekend però la regione è investita da una forte ondata di calore, con temperature attorno ai 36 gradi in tutte le principali città. Così, dopo i temporali e le perturbazioni delle ultime due settimane, in tutta la regione torna il bel tempo ma anche il disagio provocato dal deciso aumento delle temperature. Sempre secondo le rilevazioni Arpae, l'ondata di calore durerà almeno fino a venerdì 30 luglio

Previsioni meteo Marche

Stessa situazione anche nelle Marche, dove già da questo fine settimana le temperature sono schizzate in alto e si viaggia sempre attorno alle media dei 36 gradi. Già domani, lunedì 26 luglio, Pesaro e Macerata saranno le città più calde con punte rispettivamente di 37 e 36 gradi. Per quanto riguarda l'Italia, stando all'ultimo bollettino pubblicato dal Ministero della Salute, Perugia è già bollino rosso, il livello più alto di rischio calore. A Bologna invece si registra allerta arancione mentre Ancona, per le Marche, è bollino giallo.

Il bollino giallo indica "condizioni meteorologiche che possono precedere il verificarsi di un’ondata di calore", quello arancione segnala "condizioni meteo che possono rappresentare un rischio per la salute, in particolare nei sottogruppi di popolazione più suscettibili", mentre il bollino rosso indica "condizioni di emergenza con possibili effetti negativi sulla salute di persone sane e attive e non solo sui sottogruppi a rischio come gli anziani, i bambini molto piccoli e le persone affette da malattie croniche". 

Caldo: cosa fare

Come consigliato dal sito dell'Arpae Emilia-Romagna, è necessario limitare, per quanto possibile, la permanenza all’aperto nelle ore più calde della giornata (tra le 11 e le 17). Si consiglia di bere molto e spesso, anche quando non si ha sete, evitando alcol e caffeina, bibite gassate o contenenti zuccheri e, in generale, bevande ghiacciate o fredde. 

E’ bene, inoltre, fare bagni o docce con acqua tiepida per abbassare la temperatura corporea, e utilizzare i climatizzatori regolando la temperatura dell’ambiente con una differenza di non più di 6/7 gradi rispetto a quella esterna. Se si utilizzano ventilatori, infine, evitare di rivolgerli direttamente sul corpo.

Le previsioni meteo: mappe

Il video