CADRÀ venerdì 12 luglio il trentennale del Premio Internazionale Profilo Donna. Dove? Nella splendida cornice del Palazzo Ducale di Modena. Sarà una sfilata di donne illustri, per uno dei premi al femminile più longevi e prestigiosi d’Italia, nato col fine di valorizzare il ruolo della donna nel mondo. Tra le vincitrici di quest’anno, distintesi per ‘Cultura, Leadership e Società’, Roberta Bruzzone (psicologa forense e criminologa di fama nazionale), Lara Gilmore (presidente di...

CADRÀ venerdì 12 luglio il trentennale del Premio Internazionale Profilo Donna. Dove? Nella splendida cornice del Palazzo Ducale di Modena. Sarà una sfilata di donne illustri, per uno dei premi al femminile più longevi e prestigiosi d’Italia, nato col fine di valorizzare il ruolo della donna nel mondo.

Tra le vincitrici di quest’anno, distintesi per ‘Cultura, Leadership e Società’, Roberta Bruzzone (psicologa forense e criminologa di fama nazionale), Lara Gilmore (presidente di Food for Soul Onlus), Barbara Jatta (direttrice dei Musei Vaticani) e Micaela Piccoli (direttore della Chirurgia Generale dell’Ospedale di Baggiovara). Per l’occasione il Palazzo Ducale di Modena verrà trasformato in moderno giardino fiorito, o meglio, il tentativo sarà quello di esaltare «un giardino di talenti rosa – come ha precisato Cristina Bicciocchi, presidente del premio – con l’aiuto di un allestimento importante dal punto di vista scenografico». Perché in questa edizione si è ragionato sul discorso, tutt’altro che evanescente e astratto, delle donne simili ai fiori: diverse per colore, forma, per cuore, ma tutte uguali nella sostanza.

UNA sostanza di talento e impegno, di protagonismo sempre più marcato, in ogni ambito professionale e a livello globale. Nel corso della giornata si susseguiranno, dunque, un seminario di formazione (alle 9.30) dal titolo ‘L’importanza dell’informazione e il contributo femminile nello sviluppo della società’, organizzato in collaborazione con l’Ordine dei giornalisti dell’Emilia Romagna. A parlare sarà un gruppo di relatrici di livello, tra cui Anita Garibaldi, presidente della Fondazione Giuseppe Garibaldi, Barbara Manicardi, responsabile redazione il Resto del Carlino Modena e S.E. Jill Morris, Ambasciatrice del Regno Unito. Al termine della mattinata, poi, seguirà una visita guidata dal titolo ‘Ephemera Food’, che avrà il compito di spiegare l’arte antica dei menù. E in serata la premiazione vera e propria, introdotta dal ‘red carpet’ per gli ospiti (vale a dire le donne vincenti) che indosseranno i gioielli creati ‘ad hoc’ dall’artista Elisa Pellacani. Alle 20.50, infine, il talk show: presentatori Marco Senise e Cristina Bicciocchi, con la colonna sonora dell’Orchestra Sinfonica Città di Cervia e l’esibizione dei ballerini della Società di Danza. Sarà un ritrovo di intelletti ed amici. Di talenti rosa. La declinazione al femminile di una società sempre più aperta e uguale.

Tommaso Pietrangelo