«UN BUON RISULTATO che può garantire al nostro territorio le condizioni per un ulteriore sviluppo dell’impresa, con prospettive positive anche per l’occupazione e la qualità del lavoro». Il sindaco Gian Carlo Muzzarelli e l’assessore al Lavoro Andrea Bosi, esprimono soddisfazione per l’accordo raggiunto che prevede un percorso di miglioramento economico per i lavoratori della società Evologica, precisi impegni di Italpizza per l’internalizzazione...

«UN BUON RISULTATO che può garantire al nostro territorio le condizioni per un ulteriore sviluppo dell’impresa, con prospettive positive anche per l’occupazione e la qualità del lavoro». Il sindaco Gian Carlo Muzzarelli e l’assessore al Lavoro Andrea Bosi, esprimono soddisfazione per l’accordo raggiunto che prevede un percorso di miglioramento economico per i lavoratori della società Evologica, precisi impegni di Italpizza per l’internalizzazione da gennaio 2022 di parti significative del processo produttivo oggi affidate in appalto (dalla zona impasti alla farcitura) con applicazione del contratto dell’industria alimentare, l’istituzione di una commissione tecnica per una corretta applicazione dei contratti nella cooperativa Cofamo. «Il lavoro di qualità – sottolineano Muzzarelli e Bosi – è un valore aggiunto nelle imprese che esportano il made in Modena in tutto il mondo e dobbiamo ringraziare l’azienda, Confindustria Emilia, il sistema cooperativo e le organizzazioni sindacali per aver raggiunto un accordo che ha proprio questo come elemento qualificante. Con un’attenzione particolare, inoltre, per le fasce più deboli dei lavoratori».

«E’ UN BENE che si siano fatti finalmente, dopo mesi, importanti passi in avanti nella soluzione dei problemi che i rappresentanti dei lavoratori avevano evidenziato in Italpizza – dicono il capogruppo Pd Antonio Carpentieri e del responsabile Lavoro Pd Alberto Cirelli – I lavoratori dovranno esprimersi sulla bozza di accordo, il percorso ipotizzato ha tempi diversi per le due cooperative coinvolte, ma c’è l’impegno delle parti a garantire maggiori diritti e un salario migliore per i lavoratori coinvolti. L’accordo è un bene, quindi, per la città, che vede calare il livello del conflitto e le tensioni, per i lavoratori coinvolti che vedono accresciute le loro tutele e per l’azienda. Riteniamo che il dialogo ritrovato faccia bene a tutti. Il Partito democratico, nelle sue componenti istituzionale e politica, ribadisce il suo interesse a continuare a dialogare con le parti coinvolte: il tema degli appalti e dei diritti dei lavoratori riguarda anche altre realtà. L’intesa Italpizza deve aiutare ad affrontare anche questioni analoghe aperte o che si possano eventualmente aprire nel nostro contesto produttivo».