Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
29 mag 2022

Avanzo di amministrazione, il gruppo Londei vota con la maggioranza

"Ci sono troppi importanti obiettivi da cogliere col Pnrr per dividerci e disperdere le energie. Noi guardiamo alla sostanza"

29 mag 2022
L’ex senatore Giorgio Londei alla guida di «Urbino e il Montefeltro»
L’ex senatore Giorgio Londei alla guida di «Urbino e il Montefeltro»
L’ex senatore Giorgio Londei alla guida di «Urbino e il Montefeltro»
L’ex senatore Giorgio Londei alla guida di «Urbino e il Montefeltro»
L’ex senatore Giorgio Londei alla guida di «Urbino e il Montefeltro»
L’ex senatore Giorgio Londei alla guida di «Urbino e il Montefeltro»

Il gruppo di minoranza "Urbino e il Montefeltro" di Giorgio Londei annuncia un altro parere favorevole, in Consiglio comunale, ad una delibera che sarà presentata dalla maggioranza. Giorgio Londei e Federico Cangini voteranno sì al punto riguardante la "Variazione del Bilancio d’esercizio finanziario 2022-2024. Applicazione avanzo di Amministrazione", che è pari a 15,8 milioni ma nella seduta si voterà l’utilizzo di 2,18 milioni di euro. "Questa nostra scelta deriva da un questione sia di metodo, sia di merito - spiegano - in quanto, avvicinandoci alla scadenza della legislatura, riteniamo che sia utile e opportuno unire le forze per realizzare opere importanti. D merito, in quanto la delibera interviene su scelte rilevanti per la città di oggi e, soprattutto, di domani. Intanto si affronta il problema, da noi più volte sollevato, di individuare incarichi per supportare l’Ufficio tecnico, che sta affrontando una mole ingente di impegni, onde mettersi nelle migliori condizioni per utilizzare i fondi europei derivanti dal Pnrr, i quali, ricordiamo, dovranno essere investiti e rendicontati entro marzo 2026. Sono inseriti in delibera anche interventi, già pure precedentemente affrontati, per il versante di San Giovanni in pieno centro storico, per la frana di Mazzaferro, per nuove importanti piste ciclabili, nonché per il Parco dell’aquilone e il campo da golf, insieme ad azioni per il settore Unesco e il decoro urbano. Con questa scelta noi rispondiamo ai nostri simpatizzanti che, sempre più numerosi, ci chiedono di impegnarci non in dispute ideologiche o di parte, ma nel solo interesse della città e dei suoi abitanti. Noi siamo disponibili a confrontarci con tutti, per difendere e sviluppare Urbino e il suo territorio".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?