Pesaro, 28 aprile 2018 - Si chiama scuola professionale Benelli di Pesaro, forma giovani tecnici meccanici. Sono mille studenti, una cinquantina li trovate costantemente a casa perché sospesi per qualcosa. 

LEGGI ANCHE - Intervista al sindaco di Bergamo Giorgio Gori: "Ora basta, educazione al rispetto"

Ma nello stesso tempo vince premi nazionali per la mobilità elettrica o brevetta invenzioni come bicchieri musicali per non vedenti. Insomma, sotto lo stesso tetto, un frullato di Bronx e di Cupertino. Ma quello che è successo poco tempo fa rientra nella prima categoria. Un docente, sui quarant’anni, è stato aggredito in una classe quarta da due studenti maggiorenni, già ripetenti. Uno brandiva un accendino acceso, e l’intera classe gli urlava di dar fuoco al professore, l’altro gli è andato vicino sferrandogli uno spintone. Tutto questo sotto l’obiettivo dei telefonini che riprendevano la scena e le risate generali. Il docente, molto scosso, non ha detto nulla alla preside Annamaria Marinai, che ha saputo solopochi giorni fa ricevendo quel video su whatsapp da un conoscente. E la preside ha riconosciuto il docente, l’aula e anche i ragazzi. Il consiglio d’istituto, riunito d’urgenza, ha sospeso fino alla fine dell’anno scolastico i due studenti dello spintone e dell’accendino, di fatto bocciandoli. Ripeteranno la quarta. È stato identificato un terzo studente che incitava più di altri ad appiccare il fuoco.

La preside del Benelli, Anna Maria Marinai

In foto: la preside Anna Maria Marinai

La proposta di Qn - Scuola, un'ora a "lezione di vita 4.0"

Chiamato, ha ammesso tutto chiedendo scusa. È stato sospeso fino al 19 maggio per fargli salvare l’anno grazie all’ammissione. Sospesa anche la classe con obbligo però di frequenza. Dice la preside: «Non abbiamo avuto solo questa spiacevolissima e incredibile aggressione al docente, il quale merita il massimo rispetto ma che evidentemente agli occhi degli studenti appare debole e destinatario di ogni tipo di scherno. Abbiamo bocciato altri due studenti che durante la gita scolastica di quinta sono rimasti coinvolti in una rissa, hanno adescato ragazze in malo modo, sono stati irriguardosi verso gli accompagnatori infischiandosene di orari e regole. Non saranno ammessi all’esame». 


Ma la relazione dei genitori è stata immediata. Svela la preside: «Sono continuamente minacciata di querele, richieste danni, e anche di ritorsioni fisiche. Mi dicono se io ho dei figli, se sono consapevole di quello che potrebbero farmi nel caso uno degli studenti bocciati si gettasse dalla finestra, se penso al mio futuro. I genitori dei figli peggiori li giustificano sempre. Per loro, ciò che dice il figlio è sacro. Il resto è falso. Ma io non sono una preside che gira la testa da un’altra parte come fanno tanti miei colleghi. Io affronto e cerco di risolvere. Questa scuola purtroppo è la destinataria di tutti quelli che escono dalle medie con problemi: ‘Mandatelo al Benelli’ dicono gli insegnanti ai genitori senza curarsi delle attitudini». L’ultimo soprassalto è di tre giorni fa: «Un bulletto – dice la preside – che provocava da mesi un ragazzo mite ha avuto un pugno in faccia ed è andato in ospedale. Il ragazzo non lo farà più, il provocatore spero pure».

La preside ci tiene a precisare che "l'istituto Benelli è una scuola di assoluta eccellenza, sia per il personale docente e non docente, qualificato e motivato, sia per la gran parte delle alunne e degli alunni, che sono seri, impegnati, corretti e motivati". "Sugli episodi più gravi è stata demandata alle Autorità competenti ogni ulteriore valutazione tuttora in corso. La qual cosa impone la massima riservatezza a tutti i docenti coinvolti, ai genitori e agli stessi alunni"