Fermo immagine del video della Finanza di Pesaro sull'operazione 'Cassaforte in famiglia'
Fermo immagine del video della Finanza di Pesaro sull'operazione 'Cassaforte in famiglia'

Pesaro, 10 giugno 2021 - Un noto imprenditore pesarese in arresto, 16 indagati, tra cui diversi professionisti pesaresi e anconetani, decine di perquisizioni e sequestri di immobili, compresa una villa, per 700mila euro nei comuni di Vallefoglia e Pesaro. Da questa mattina, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Pesaro sono all'opera per dare esecuzione ai numerosi provvedimenti emessi nell’ambito dell’indagine denominata “Cassaforte di Famiglia”, coordinata dalla Procura della Repubblica di Pesaro. Sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte, intestazione fraudolenta di valori e riciclaggio, le accuse contestate, a vario titolo, dagli inquirenti.

Aggiornamento Riccardo Concetti, chi è l'imprenditore pesarese arrestato. Indagati la moglie e altri 15

Sono tutt’ora in atto una ventina di perquisizioni (domiciliari e locali) nei comuni di Vallefoglia (PU), Cantiano (PU), Ancona, Numana (AN), Bologna, Roma e nella provincia di Frosinone nei confronti di 16 indagati, 3 studi professionali e 3 sedi societarie, nonché l’esecuzione di un decreto di sequestro preventivo di beni immobili, per un valore di oltre 700 mila euro nei comuni di Vallefoglia e Pesaro. Le attività odierne scaturiscono da una complessa attività di indagine nominata “Cassaforte di Famiglia” condotta dal Nucleo di polizia economico-finanziaria alla sede e coordinate dalla locale Procura della Repubblica, intrapresa nei confronti di un 60enne conosciuto nel tessuto imprenditoriale pesarese e non solo – destinatario della misura cautelare personale – titolare di fatto, insieme con la moglie, di 6 società nel settore della grande distribuzione e quello edile, per le quali erano intervenute le procedure fallimentari.

I coniugi hanno una lunga storia legata ad aziende sparse in giro per l’Italia e già gravati, nel tempo, da provvedimenti cautelari personali per reati di bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale.Le attività di indagine delle Fiamme Gialle hanno avuto come punto di partenza numerose e consistenti movimentazioni finanziarie operate, tra il 2011 e il 2014, dai coniugi in favore di una società pesarese. Tali movimentazioni sono risultate essere parte delle distrazioni patrimoniali perpetrate a danno delle 6 società oramai fallite, che sono state spogliate di averi (beni, merci, disponibilità liquide) per un importo di circa 4 milioni di euro.

La società in questione, il cui patrimonio sociale è detenuto in gran percentuale da una società fiduciaria – definita dall’indagato principale come “la cassaforte di famiglia” – è stata proprietaria di diversi immobili tutti nella disponibilità del nucleo familiare nonché protagonista, negli anni, di importanti operazioni economiche e finanziarie. Dopo aver accumulato debiti tributari, dagli anni 2010 al 2014, per circa 2,8 milioni di euro la stessa – attraverso la cessione del ramo d’azienda – ha trasferito il patrimonio immobiliare a un’altra società “schermo”, partecipata da professionisti compiacenti.

Dall’ipotesi di reato iniziale di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte (violazione di cui all’art. 11 del D. Lgs. 74/2000), le indagini hanno permesso di accertare a ulteriori condotte di reato quali l’intestazione fraudolenta di valori (art. 512 bis c.p.) ed il riciclaggio (648 bis c.p.): sono state infatti ricostruite complesse e molteplici operazioni societarie riguardanti passaggi di quote tra più società e soggetti, con il ruolo attivo di professionisti e consulenti del settore (anch’essi indagati) i quali, oltre a coordinare ed eseguire le diverse operazioni, sempre concordate con l’imprenditore, si sono anche intestati quote sociali, fungendo da veri e propri “prestanome”, per celare i reali beneficiari e la provenienza dei beni trasferiti. L’operazione odierna evidenzia la trasversalità delle attività di Istituto della Guardia di Finanza che attraverso l’analisi e il monitoraggio dei flussi finanziari riesce non solo a recuperare somme sottratte al fisco, ma anche ad intercettare capitali di origine illecita che, altrimenti, una volta riciclati, inquinerebbero l’economia legale. Inoltre, la costante attenzione ai reati fallimentari e il sequestro di patrimoni illeciti, anche sotto forma di beni, assume un valore anche “sociale”, poiché consente di restituire alla collettività le ricchezze sottratte, sia che si tratti di sottrazione all’Erario che alle masse creditorie delle società fatte fallire con le condotte illecite.