Il direttore d'orchestra Michele Mariotti e il soprano Olga Peretyatko alle loro nozze
Il direttore d'orchestra Michele Mariotti e il soprano Olga Peretyatko alle loro nozze

Pesaro, 1 luglio 2018 - «Come l’abbiamo presa a casa? Male. Male come quando si apprendono queste cose e cioè una storia che finisce», dice il fratello del direttore d’orchestra Michele Mariotti, Giacomo. Perché ieri i rumors di sottofondo sono diventati una realtà: la moglie di Michele Mariotti, il soprano russo Olga Peretyatko, ha annunciato attraverso un post su Facebook, che ha chiesto il divorzio. Aggiungendo anche che la storia è vecchia ormai di qualche mese.

«Ama finché puoi amarlo – scrive Olga – ed è quello che ho cercato di fare da settembre: ultimamente prendo tutto sul livello molto personale e cantando questo pezzo a Barcellona, ho cominciato a piangere durante il concerto perché mi tocca molto. E spero che ciò non accada dopodomani alla Scala». La cantante che si è esibita nei migliori teatri d’Europa ed anche al Metropolitan di New York aggiunge anche «che sono diventata migliore, come artista nell’ultimo anno, grazie alla sofferenza e al dolore. Avete sentito le voci in giro – continua –, ma non è stato fatto un annuncio ufficiale, ma ho chiesto il divorzio, ormai mesi fa. E’ stato un anno di m... e non posso descriverlo. E’ difficile non riconoscere la persona che amavi. Sono una donna che ha bisogno di rispetto, non posso vivere nel compromnesso del c... Per cosa poi? E qui chiudo. Viva la musica che ci salva che è sempre sincera. Ho cancellato il Don Giovanni a Bologna del prossimo dicembre, non penso proprio che mi devo fare questo».

Qui finisce lo sfogo pubblico della bella cantante russa Olga Peretyatko, la donna che il direttore d’orchestra Michele Mariotti, 39 anni, figlio di Gianfranco, il nume tutelare del Rossini Opera Festival. E proprio al Rof del 2010 i due si erano incontrati nel corso di quella edizione nel ‘Sigismondo’, lei come cantante e lui come direttore d’orchestra. Un amore a prima vista tanto che due anni dopo Michele e Olga si sono poi sposati civilmente alla fine dell’edizione di quell’anno del Rof, a palazzo Gradari, con rito civile. Una casa a Pesaro, in centro storico, e quindi la residenza a Bologna dove Michele ha l’incarico fino alla fine di quest’anno di direttore musicale dello stabile petroniano.

TEATRO_31628342_211338

«Difficile capire chi ha ragione e chi ha torto in queste situazioni – continua il fratello Giacomo –, ma io credo che abbia pesato non poco il genere di vita che entrambi conducono, una professione che spesso li portava uno lontano dall’altro. Di altro, noi in famiglia, non sappiamo nulla e non credo che ci siano situazioni sentimentali dietro. Per fortuna, in questa non felice vicenda, Michele e Olga non hanno figli, per cui la separazione è meno traumatica».