Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
27 dic 2021

Vis: il pagellone ha un dominatore Farroni davanti a tutti, poi Gavazzi

Ecco la media voto dopo venti partite: il portiere classe ’97 ha fatto e continua a fare la differenza. Il capitano subito dietro e a chiudere il podio c’è De Respinis: i suoi gol hanno fruttato 10 punti

27 dic 2021
Alessandro Farroni in un’uscita alta. A proteggerlo, Gavazzi
Alessandro Farroni in un’uscita alta. A proteggerlo, Gavazzi
Alessandro Farroni in un’uscita alta. A proteggerlo, Gavazzi
Alessandro Farroni in un’uscita alta. A proteggerlo, Gavazzi
Alessandro Farroni in un’uscita alta. A proteggerlo, Gavazzi
Alessandro Farroni in un’uscita alta. A proteggerlo, Gavazzi

Nessun dubbio su chi sia stato il miglior vissino di questa prima metà e spiccioli di campionato. L’investitura del resto è venuta dallo stesso allenatore che ha parlato di un portiere dal rendimento stratosferico. Alessandro Farroni, classe ’97, ha un solo difetto: non è della Vis, ma della Reggina. Banchini dice che un elemento così vale almeno 10 punti in campionato; se consideriamo che i titolari del ruolo nella scorsa stagione i punti li toglievano anziché darli, ecco lo stacco enorme col recente passato. Il ragazzo di Spoleto ha cominciato a fare la differenza alla quarta giornata (Teramo) e da allora non ha più smesso, collezionando 7 partite con voto dal 7 in su. L’altro suo difetto? Non ha saltato un minuto, lasciando nell’ombra il suo vice Campani, che pure dicono ben strutturato. Alle sue spalle per media voto, ecco capitan Gavazzi. Anche qui, tutto limpido: siamo in presenza di uno dei migliori centrali del girone. L’uomo che governa la difesa, chiude i varchi e imposta dal basso. Il valore del capitano lo vedi quando non c’è: ha saltato due partite, contro Pontedera e Ancona, e la Vis in quelle occasioni ha perso equilibrio e punti. Segue un attaccante: Alessandro De Respinis, che non ha realizzato molto ma ha inciso parecchio. I gol difatti si pesano, e i suoi 4 hanno fruttato 3 vittorie e un pari. Tutto questo entrando 9 volte dalla panchina. Stesso discorso per Gucci (5 gol, 4 vittorie), al quale comincia però a pesare un digiuno di due mesi; mentre a Cannavò manca soprattutto di giocare più per la squadra. Anche Rubin (un gol e tanti cross) ha offerto il suo contributo, proponendosi come presenza stabilizzatrice del centrocampo. Dietro di lui Marcandella, l’uomo al quale Banchini chiede i minuti qualità. Non ha mai giocato una gara ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?