Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
19 lug 2022

Gescad: "Così aiutiamo le aziende a connettere i loro dati"

Premio Masacagni. Ferrara, l’attività della Gescad: "Offerta a tutto tondo in un’ottica di industria 4.0"

19 lug 2022
alberto lazzarini
Cronaca
Davide Candini, socio della ferrarese Gescad
Davide Candini, socio della ferrarese Gescad
Davide Candini, socio della ferrarese Gescad
Davide Candini, socio della ferrarese Gescad

FERRARA

È perfino banale ricordare che il futuro (anzi la quotidianità) passa attraverso l’informatica e specificamente la digitalizzazione. Si tratta insomma di un processo di trasformazione epocale che sui nostri territori vede, fra i protagonisti, Gescad, un’azienda dalla ormai consolidata tradizione (fu fondata nel 1989) con sede ad Argenta nel Ferrarese.

Sette sono i soci, 35 i dipendenti, tre milioni, in crescita, il fatturato. Socio e responsabile commerciale è Davide Candini, che abbiamo intervistato.

Di cosa si occupa, specificamente, Gescad?

"Dopo i primi anni di esperienza nello sviluppo di software gestionale in ambiente IBM AS400 (oggi IBM) e la successiva apertura ai sistemi Intel (Windows e Linux tra gli altri), maturando esperienze su molte realtà produttive impegnate nei più diversi settori del mercato, oggi Gescad rappresenta un punto di riferimento per i progetti di System Integration, inclusi i sempre più frequenti impianti produttivi che richiedono interconnessione IoT in ottica Industria 4.0".

Il sistema integrato rappresenta dunque l’offerta più performante per i vostri clienti, che sono le aziende...

"La nostra struttura è nata, in effetti, con l’obiettivo di fare integrazione e ad esempio consentire di dialogare alle imprese che per molteplici motivi hanno software diversi, quindi di integrare i dati.

In realtà la nostra è un’offerta dalla A alla zeta. Vendiamo dispositivi e componenti, procediamo alle installazioni, offriamo software gestionali; il tutto in un’ottica 4.0".

Ci descriva i vostri clienti.

"Si tratta di importanti realtà produttive che operano nei campi più diversi: agroalimentare e meccanica con particolare riguardo alla componentistica di precisione, impiantistica, acciaio...".

Qual è la nuova frontiera dell’informatica?

"La premessa è che l’interconnessione, nella nostra società e nel nostro mercato, è una necessità. Ma occorre trasformarla in uno "strumento a portata di mano", semplice nell’utilizzo anche se, a monte, è ben presente un lungo e approfondito studio accompagnato da capacità e rigore. Si va, quindi, verso mondi più intuitivi che, fra l’altro, aiutano la crescita della creatività".

La formazione è uno dei vostri cavalli di battaglia...

"Sì, vi abbiamo dedicato migliaia di ore. Al nostro interno operano ingegneri e periti informatici ma anche ragionieri e dottori in economia impegnati nella complessa adesione e coerenza alle normative.

Sì, cerchiamo personale, capace e disponibile. Ai nostri clienti, che bisogna saper ascoltare e con i quali sviluppiamo le attività di software, viene destinato un processo di addestramento completato da un’assistenza continua".

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?