Il tombino in cui l’80enne è rimasto incastrato per ore (foto Scardovi)
Il tombino in cui l’80enne è rimasto incastrato per ore (foto Scardovi)

Lugo (Ravenna), 12 luglio 2015 - E’ rimasto per quasi 14 ore (dalle 21.30 di ieri alle 11 di questa mattina) a testa in giù, rannicchiato e con il volto semisommerso nel fango, all’interno di un tombino in cui era accidentalmente finito (FOTO) mentre effettuava un’operazione, apparente semplice, di svuotamento della melma.

Il caso ha voluto che questa mattina un suo vicino di casa, il 62enne M. L., abbia deciso di fare un giro nelle campagne in sella al suo scooter. Transitando lungo una carraia, la sua attenzione è stata attirata da un paio di scarpe che spuntavano appena dal pozzetto. Erano i piedi dello sventurato che, ormai allo strenuo delle forze per essere rimasto in quel luogo angusto per oltre 13 ore, è stato sollevato di peso dal suo ‘angelo custode’ e strappato quindi a morte certa.

Può veramenteconsiderarsi salvo per miracolo l’80enne di Villa Pianta protagonista, suo malgrado, di una disavventura che per una serie di circostanze fortuite si è conclusa a lieto fine.

Il pensionato, che risiede da solo in una casa in aperta campagna, è stato soccorso, inizialmente come detto dal vicino e poco dopo dal personale del ‘118’, giunto sul posto con un’ambulanza e a bordo dell’elicottero di ‘Romagna Soccorso’, atterrato nel piazzale situato sul retro del ristorante ‘Tres Jolie’, a due passi dalla statale ‘Adriatica’.

Nonostante l’interminabile periodo trascorso a testa in giù, rannicchiato, con il volto parzialmente coperto dal pantano e quindi rischiando da un momento all’altro di affogare, non correrebbe per fortuna pericolo di vita. A scopo precauzionale è stato trasportato in elicottero all’ospedale ‘Santa Maria delle Croci’ di Ravenna. Sul posto i carabinieri della stazione di Voltana unitamente ai colleghi di Lavezzola.

Nel frattempo è giunto anche il fratello che risiede a Lavezzola. Proprio oggi il pensionato compie 80 anni. Una ricorrenza che di sicuro non dimenticherà facilmente.

Domani, sul Carlino, ulteriori particolari dell’incredibile vicenda.