Il sindaco Elena Carletti
Il sindaco Elena Carletti
L’anno scorso si era opposta alle nozze con un cugino, che sarebbe stato "combinato" dalle rispettive famiglie. Prima una fuga in Belgio. Poi, alla vigilia della partenza per il Pakistan, per l’evento fissato al 22 dicembre, la ragazza aveva denunciato i fatti, facendo intervenire forze dell’ordine e servizi sociali di Novellara, la cittadina in cui la giovane pakistana risiede. Era scattato il provvedimento di...

L’anno scorso si era opposta alle nozze con un cugino, che sarebbe stato "combinato" dalle rispettive famiglie. Prima una fuga in Belgio. Poi, alla vigilia della partenza per il Pakistan, per l’evento fissato al 22 dicembre, la ragazza aveva denunciato i fatti, facendo intervenire forze dell’ordine e servizi sociali di Novellara, la cittadina in cui la giovane pakistana risiede. Era scattato il provvedimento di allontanamento dalla casa famigliare, con affidamento a una struttura protetta nel Bolognese.

Ragazza pakistana scomparsa: cani molecolari nella casa della famiglia

I genitori, di 43 e 46 anni, erano stati denunciati per concorso in costrizione o induzione al matrimonio della loro figlia.

Compiuti i 18 anni, di recente la giovane ha lasciato spontaneamente la struttura per tornare a Novellara, ritrovando forse un accordo con la famiglia. Quasi un mese fa, però, i genitori della ragazza sono partiti d’urgenza per il loro Paese, pare per problemi di salute di una sorella del capofamiglia.

Ma, arrivati all’abitazione di Novellara per notificare alcuni atti, i carabinieri non hanno trovato la ragazza. E, visti i vari precedenti, hanno avviato accertamenti.

"I genitori, contattati in Pakistan, dichiarano di essere da soli nel loro Paese – spiega il sindaco Elena Carletti, che sta seguendo in modo diretto la vicenda –, ma di non sapere dove è la loro figlia. Non sarebbe in Pakistan. E al momento risulta irreperibile. Per questo i carabinieri hanno avviato le verifiche".

Non sarebbe neppure in Belgio, dove si era recata l’anno scorso per raggiungere connazionali di sua fiducia.

Ieri mattina i carabinieri sono tornati nei pressi dell’abitazione della famiglia della giovane, controllando la zona con l’ausilio dei cani molecolari, per verificare la sua eventuale presenza nei dintorni, nell’ipotesi che possa essere nascosta vicino casa.

Ora si sta cercando di tracciare i movimenti della 18enne, per poterla rintracciare e verificare che non sia vittima di qualche situazione poco chiara.

Pur non escludendo che possa essersi allontanata spontaneamente da Novellara. Ma la questione deve essere ancora chiarita.

Antonio Lecci