Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
10 feb 2022

Omicidio Eletti. "Marco aveva orchestrato tutto"

Chiuse le indagini. Al figlio di Paolo, ucciso a martellate il 24 aprile 2021, la Procura contesta quattro aggravanti. Rischia l’ergastolo

10 feb 2022
daniele petrone
Cronaca
Paolo Eletti (a sinistra) è stato ucciso il 24 aprile scorso da suo figlio Marco (a destra) nella sua casa
Paolo Eletti (a sinistra) è stato ucciso il 24 aprile scorso da suo figlio Marco (a destra) nella sua casa
Paolo Eletti (a sinistra) è stato ucciso il 24 aprile scorso da suo figlio Marco (a destra) nella sua casa
Paolo Eletti (a sinistra) è stato ucciso il 24 aprile scorso da suo figlio Marco (a destra) nella sua casa
Paolo Eletti (a sinistra) è stato ucciso il 24 aprile scorso da suo figlio Marco (a destra) nella sua casa
Paolo Eletti (a sinistra) è stato ucciso il 24 aprile scorso da suo figlio Marco (a destra) nella sua casa

di Daniele Petrone Secondo la Procura – che ha chiuso le indagini preliminari – ha orchestrato tutto. Omicidio premeditato. E pluriaggravato. È quanto viene contestato al 34enne Marco Eletti, accusato di aver ammazzato a martellate il padre Paolo, 52 anni e di aver tentato di fare altrettanto con la madre 54enne Sabrina Guidetti (che dopo un lungo ricovero in ospedale, si è salvata), il 24 aprile scorso nella loro casa di San Martino in Rio. Sono quattro le aggravanti formulate dal pm titolare del fascicolo d’inchiesta Piera Cristina Giannusa nei confronti del giovane. Oltre alla già citata premeditazione, vi è ovviamente quella dei rapporti familiari con la vittima. E i futili motivi. Secondo la magistratura, il movente è da ricondurre alla scoperta di una doppia vita sessuale avuta dal padre. E in secondo luogo, altri dissidi sarebbero derivati per questioni inerenti alla casa di famiglia che i genitori non volevano lasciare, ma che il figlio avrebbe voluto ereditare sin da subito. Eletti si trova in carcere – nel penitenziario di Modena – dal 25 aprile, giorno successivo al delitto, quando è stato arrestato dai carabinieri che già dalle prime ore sospettavano di lui. Anche in merito a quella telefonata fatta al 118, per dare l’allarme; in stato confusionale, ha detto all’operatore "… guardi se li ho anche ammazzati non lo so...". Così come un altro indizio venne trovato nella cronologia delle ricerche Google sul suo telefonino, poco prima dei fatti: "Come uccidere una persona a martellate…". Inoltre è accusato del tentato omicidio della madre, con l’aggravante dell’utilizzo di "sostanze venefiche e insidiose". Ossia il benzodiazepine che le ha iniettato per poi tagliarle anche i polsi. Per questo Eletti dovrà rispondere anche di detenzione di sostanze psicotrope, avendo importato dall’Olanda una sostanza sedativa proibita e infine di alterazionefalsificazione delle ricette mediche con ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?