Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
16 mag 2022

Reazione allergica, paura per un bambino

Il ragazzino di 9 anni non può mangiare latticini, ma una forchettata al piatto di un amico è bastata per scatenare una crisi respiratoria

16 mag 2022

Si è temuto il peggio, ieri all’ora di pranzo, al campo sportivo di Rolo, nella giornata dedicata al torneo giovanile di calcio intitolato a Alex Bonucchi, un giovane vittima a soli 25 anni di un infortunio nella piscina dell’hotel in cui soggiornava in Algeria, dove si trovava per motivi di lavoro. Il torneo, per Giovanissimi e Pulcini, alla sua seconda edizione, ha visto impegnati l’Atletico Rolo, Reggiana, Bologna e Modena. Durante il pranzo, poco dopo le 13, uno dei giovanissimi del team della Reggiana, di nove anni, ha assaggiato la pasta dal piatto di un compagno di squadra, senza accorgersi che era farcita con del formaggio, prodotto di cui è allergico. Quella forchettata di cibo non l’avrebbe dovuta mangiare, visto che il padre gli aveva portato da casa il pranzo senza latticini. Pochi istanti dopo si è manifestato il malore, causato proprio dall’allergia ai latticini, che gli ha provocato una grave difficoltà respiratoria. Immediato l’allarme alla centrale operativa del 118, mentre il piccolo calciatore appariva in condizioni critiche. E’ stato sollecitato a rigettare il cibo, mentre sul posto arrivavano gli operatori della Croce rossa di Fabbrico, il personale dell’elisoccorso di Parma e dell’autoinfermieristica di Correggio. Il ragazzino, per pochi ma interminabili minuti, ha continuato a manifestare gravi difficoltà respiratorie, poi risolte dall’intervento sanitario, grazie alla liberazione delle vie aeree e alla somministrazione di ossigeno. Il ragazzino, per fortuna, ha dato dei segni di ripresa. Ma dopo le prime cure è stato comunque caricato a bordo dell’elisoccorso e trasferito all’ospedale Maggiore di Parma, per ulteriori accertamenti clinici. A Parma il ragazzino, che risiede a Reggio, è stato poi raggiunto dai suoi familiari.

Antonio Lecci

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?