Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
2 ago 2022
2 ago 2022

"Ci sono spesso persone sui binari Servirebbe un controllo costante"

Allo scalo rivierasco tanti giovani sono sconvolti per quanto accaduto

2 ago 2022

L’incoscienza della giovane età, l’adrenalina del brivido oppure la semplice fretta di raggiungere un treno. Sono molteplici i possibili motivi che spingono, ancora, le persone, spesso i più giovani, ad attraversare i binari in tante stazioni d’Italia. Un fenomeno che tuttavia, a volte, può fare correre incontro chi tenta la sorte al destino peggiore. Lo sanno alla stazione di Riccione quei ragazzi che non nascondono "un po’ di disagio", nel trovarsi dove appena 24 ore prima due giovani donne, quasi loro coetanee, hanno perso la vita.

Eppure, Antonio Gallo spiega come "nelle stazioni tra Milano e il mare spesso mi è capitato di vedere persone attraversare i binari. Non ho idea di cosa sia saltato in testa alle due sorelle bolognesi ieri, e nemmeno di cosa passi per la testa di chi attraversa. Ma davvero è un problema serio". "Per quanto è diffuso questo fenomeno rischioso, penso che serva più vigilanza nelle stazioni – commenta invece Thomas Balestra –. Significa personale che si assicuri che, soprattutto in scali come Riccione dove a tutte le ore ci sono ragazzi pronti a salire su un treno, che nessuno tenti di attraversare o anche solo per gioco si faccia trovare sui binari".

Anche se la situazione di giovani sui binari di Riccione resta, secondo Riccardo Romagnani "un caso molto raro. Qui la stazione è attrezzata anche con le barriere per impedire un facile attraversamento e personalmente prima di ieri (domenica, ndr) mai avevo sentito una cosa così in un luogo in cui sono solito andare. Certamente era una tragedia evitabile, non ho proprio idea di cosa sia passato per la testa di quelle due ragazze". E mentre il fischio dei Frecciarossa è tornato su entrambi i binari dello scalo, c’è ancora chi come Mattia Bassoli spiega: "Io ho preso il treno poche ore prima della tragedia. E quando ho saputo mi è sembrato tutto così assurdo. Ho pensato se fosse toccato a me o i miei amici. Soprattutto in vacanza, ma cose del genere non dovrebbero mai succedere".

f.z.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?