Delusi è dire poco. Dopo il faccia a faccia (in videonconferenza) di martedì con gli assessori regionali Mammi e Loro, i rappresentanti del comitato che si batte per vietare di nuovo la caccia nell’Oasi di Montebello non la mandano proprio giù. "La Regione non ha accolto nessuna delle proposte presentate, che continuiamo a ritenere di buon senso e basate su dati e pareri scientifici. Abbiamo dunque deciso di organizzare da soli quello che la Regione ha deciso di non accettare: il confronto pubblico con tutti i soggetti interessati" che avrà come base l’Oasi. Saranno invitati "esperti autorevoli per discutere, insieme, il futuro dell’Oasi e di tutto il territorio circostante". Nonostante la delusione per il no della Regione, che vuole che si continui a cacciare i cinghiali all’interno dell’Oasi, il comitato spera che ci sia davvero (come promesso) un nuovo confronto con i sindaci, che avevano sostenuto i cittadini.