ANDREA OLIVA
Cronaca

Terremoto in Romagna, si muove la faglia sommersa: "Scossa a poca profondità"

Parla il sismologo Carlo Meletti dell’Istituto nazionale di geologia e vulcanologia: "Anche in passato ci sono stati fenomeni analoghi, ma sempre di entità ridotta"

Carlo Meletti, sismologo dell’Ingv (bel riquadro), ha analizzato la scossa di terremoto di martedì sera vicino alla costa di Riccione

Carlo Meletti, sismologo dell’Ingv (bel riquadro), ha analizzato la scossa di terremoto di martedì sera vicino alla costa di Riccione

Rimini, 14 giugno 2024 – “Ci troviamo su una faglia e questi fenomeni possono accadere". Carlo Meletti è sismologo dell’Istituto nazionale di geologia e vulcanologia. L’Ingv ha rilevato alle 23.03 e 17 secondi nella giornata di mercoledì una scossa di magnitudo 3,5 davanti alla costa, all’altezza della zona sud di Riccione. L’epicentro era localizzato a tre chilometri dalla zona urbanizzata, a una profondità di appena 6 chilometri.

Meletti, la scossa si è sentita forte e la profondità dell’epicentro era ridotta, dobbiamo preoccuparci?

"In questa zona avere fenomeni a profondità ridotte è normale. Stiamo parlando di un’area contraddistinta da una faglia che corre parallela agli Appennini, ma è sommersa. La ritroviamo in mare poco distante dalla costa. Non mi riferisco alla sola riviera. Le strutture sommerse a cui faccio riferimento arrivano fino alla zona di mare davanti ad Ancona. Si tratta di strutture sommerse, ma legate a quanto accade nella pianura padana".

Si riferisce al terremoto che ebbe come epicentro Finale Emilia?

Approfondisci:

Terremoto oggi nel Vicentino: scossa di magnitudo 2.9

Terremoto oggi nel Vicentino: scossa di magnitudo 2.9

"Anche in quel caso abbiamo una faglia che si trova a una data distanza dagli Appennini. Possiamo dire che la faglia corre a fianco della catena montuosa lungo la pianura Padana e prosegue in mare con strutture sommerse lungo la costa arrivando all’altezza di Ancona".

In passato abbiamo assistito ad altre scosse in mare, ma di magnitudo ridotta, attorno a 2. Questa volta invece l’intensità è stata maggiore. Qualcosa sta cambiando nel nostro mare?

"Anche in passato ci sono state scosse in questo tratto di mare, ma riguardo all’intensità direi che rimaniamo comunque in fenomeni con una magnitudo ridotta. Il fatto che si sia sentita in modo chiaro deriva dalla poca profondità del sisma".

Cosa dobbiamo aspettarci nelle prossime ore o giorni?

"Al momento parliamo di una scossa unica che non ha avuto repliche. Non c’è stato uno sciame sismico. E’ sempre difficile esprimersi su ciò che potrebbe avvenire nei prossimi giorni, ma stante il fenomeno è pensabile che non vi siano altre manifestazioni".