Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
7 lug 2022
7 lug 2022

Covid oggi in Veneto, bollettino del 7 luglio: più di 10mila nuovi contagi 

Padova e Treviso le province più colpite, sale il numero dei ricoveri nelle aree mediche e nelle intensive. Gimbe, nuovi casi in aumento del 34%

7 lug 2022

Venezia, 7 luglio 2022 - Terzo giorno consecutivo con più di 10 mila casi di Covid19 in Veneto. Nelle ultime 24 ore, secondo il report della Regione Veneto, sono 10.052 le nuove infezioni (qui il bollettino del 6 luglio).

Approfondisci:

Covid oggi Veneto, il bollettino dell'8 luglio. Sotto i 10mila casi, 2 i decessi

In costante aumento la pressione sugli ospedali: sul fronte dei ricoveri si segnalano 828 pazienti in area medica (+48) , e rimane invariato, rispetto a ieri, il numero dei ricoverati in terapia intensiva sale a 41 (+5). Otto le vittime che porta il dato complessivo a 14.845 deceduti. Lo rileva il bollettino della Regione del Veneto. Il totale delle infezioni dall'inizio dell'epidemia sale a 1.916.895. Crescono gli attuali positivi, ora a 93.120 (+4.990). 

Approfondisci:

Covid oggi, i contagi in Italia. Dati dalle Regioni in diretta

Approfondisci:

Covid Emilia Romagna oggi, il bollettino del 7 luglio 2022. Contagi e morti

Approfondisci:

Coronavirus Marche oggi, il bollettino del 7 luglio 2022: 3.076 contagi e due morti

Bollettino Covid Veneto oggi 7 luglio 2022
Bollettino Covid Veneto oggi 7 luglio 2022

La mappa dei contagi

Nelle province sono Padova con 2.114 nuovi casi e Treviso 1.900. Nella città metropolitana di Venezia sono stati 1.734 gli ultimi positivi individuati dai tamponi. Monitoraggio Gimbe: i nuovi casi per 100.000 abitanti dell'ultima settimana per provincia vedono prima Padova con 1.234 (+37,7% rispetto alla settimana precedente), quindi Venezia con 1.121 (+28,7%), Treviso con 1.105 (+26,8%), Vicenza con 1.081 (+47,7%), Rovigo con 1.068 (+43,6%), Belluno con 1.052 (+46,1%) e Verona con 876 (+34,2%) 

Approfondisci:

Contagi Covid in Italia al 55%: allarme Gimbe. Le province messe peggio

Omicron 5 al 22% in un mese 

La variante Omicron 5 sta velocemente aumentando la propria presenza in Veneto, passando dallo zero di maggio al 22% in giugno, e si avvia a soppiantare la variante BA.2, passata in un mese dal 98,7% al 74%. Il dato emerge dal monitoraggio svolto dall'Istituto Zooprofilattico sperimentale delle Venezie, per conto dell'Iss, aggiornato al 7 giugno scorso. 

Negli ultimi quattro mesi in Veneto sono inoltre stati individuati 17 virus ricombinanti, sei dei quali appartenenti alla variante XE e cinque alla variante XJ-like.
 All'interno della variante BA.2 si segnalano due sottovarianti (BA.2.12.1 e BA.2.13) che presentano mutazioni nella proteina Spike associate a un potenziale aumento della trasmissibilità ed evasione della risposta immunitaria rispetto a BA.2. Di questi sublineage sono stati identificati rispettivamente 12 e 5 campioni. 

Un ricombinante BA.1/BA.2 è stato infine selezionato in provincia di Treviso. Un campione simile era già stato precedentemente isolato in provincia di Padova. 

Gimbe, nuovi casi in aumento del 34%

Nella settimana dal 29 giugno al 5 luglio si registra in  Veneto una performance in peggioramento per i casi di  Covid-19 attualmente positivi per 100.000 abitanti (1.736) e si evidenzia un aumento dei nuovi casi (34,8%) rispetto alla settimana precedente. I dati emergono dal monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe. 

Sono sotto la media nazionale i posti letto in area medica (9,3%) e in terapia intensiva (2,5%) occupati da pazienti Covid-19. Per quanto riguarda la campagna vaccinale, la percentuale di popolazione over 5 anni che non ha ricevuto nessuna dose di vaccino è del 6,5% (media Italia 7,1%) a cui aggiungere la popolazione temporaneamente protetta, in quanto guarita da Covid-19 da meno di 180 giorni, pari al 6,1%; la percentuale che non ha ricevuto la terza dose di vaccino è dell'11% (media Italia 11,4%) a cui aggiungere la popolazione over 5 anni guarita da meno di 120 giorni, che non può ricevere la terza dose nell'immediato, pari al 6%. 

Il tasso di copertura vaccinale con quarta dose tra le persone immunocompromesse è del 25,6% (sotto la media Italia del 44,2%); la copertura con quarta dose per over 80, ospiti RSA e fragili della fascia 60-79 anni è del 20,9% (media Italia 21,1%). Per quanto riguarda la popolazione 5-11 che ha completato il ciclo vaccinale, la copertura è pari al 32,4% (media Italia 34,9%) a cui aggiungere un ulteriore 3,3% (Italia 3,3%) solo con prima dose.

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?