Acquasanta (Ascoli), 25 gennaio 2018 - E’ arrivato finalmente questa mattina anche nell'acquasantano il tanto atteso taglio del nastro per la consegna delle Sae. Sei moduli abitativi da quaranta metri quadri destinati ad altrettanti residenti e costruiti in quello che una volta era il campo sportivo di Arli.


Alla consegna delle chiavi, che già da oggi danno la possibilità ai cinque sfollati individuati di entrare nelle casette, sono intervenuti, oltre a diversi cittadini, il sindaco di Acquasanta Sante Stangoni, il vice Capriotti e l’assessore Ionni, ma anche il presidente della Regione Luca Ceriscioli. “Un anno fa – il discorso di quest’ultimo- ero al telefono con il sindaco per parlare di quante turbine occorrevano per togliere la neve. Oggi, invece, è una bella giornata. Non solo perché c’è il sole, ma perché si torna dove si è nati”. Sulla ricostruzione, poi, ha spiegato: “Con un’ordinanza di fine anno il Commissario De Micheli ha semplificato le procedure e ciò permetterà di andare più spediti”.

Delle sei casette, però, una non è stata assegnata: si tratta di quella destinata alla signora Rosa Angelini alla quale, avendo già sbrigato tutti gli atti, non restava che prendere possesso della struttura. Dieci giorni fa, però, Rosa è deceduta a causa di una terribile malattia e per questo la casetta dovrà essere riassegnata. Una giornata, dunque, vissuta anche con il suo commosso ricordo tra i presenti. Una giornata arrivata troppo tardi anche, e soprattutto, per lei.