Bologna, 12 settembre 2017 - Controllo e repressione dell’attività di spaccio nelle piazze  di spaccio principali della città, come piazza Verdi, Aldrovandi, San Francesco, Montagnola, ma anche via Boldrini, finita spesso al centro delle cronache per la presenza di pusher. L’operazione ‘Centro sicuro’ voluta dal questore Ignazio Coccia, sotto il coordinamento della squadra mobile, insieme ad altri uffici, ha portato nel corso dell’estate, da giugno fino alla scorsa settimana, all’arresto di trenta persone, altrettante denunciate, 608 identificati e 79 accompagnati negli uffici per controlli e sequestrato quasi 3 chili di droga, tra marijuana, cocaina, hashish ed eroina.

Nello specifico le volanti, nel solo mese di luglio, nel corso di sette servizi, hanno sequestrato a carico di ignoti circa 2,5 chili di marijuana, mentre durante tutta l’operazione, la mobile con l’ausilio delle stesse volanti e altri uffici, ha sequestrato ai pusher denunciati e arrestati circa 400 grammi tra eroina, erba, hashish e cocaina. L'ultimo blitz in Montagnola, la settimana scorsa, inoltre, ha portato all'arresto di due nigeriani, sorpresi nelle vicinanze di un centro estivo frequentato da bambini. «Non daremo tregua ai pusher che frequentano le nostre piazze e i nostri parchi e intaccano la serenità dei nostri figli», ha detto il dirigente della mobile, Luca Armeni.

Spaccia a un 18enne, era stato espulso da Rimini