Bologna, 25 ottobre 2017 – I giovani volti del lavoro di domani, preparati e carichi di speranze, raccolti da Alma Mater proprio accanto a uno dei templi dell'industria bolognese. E' stato scelto il neonato plesso universitario del Battiferro, alle spalle del Museo del Patrimonio industriale di via della Beverara, per ospitare l'ultima edizione del Recruiting Day di Unibo (FOTO), alla presenza di marchi che hanno fatto la storia del nostro territorio, e non solo.

La giornata di oggi è la migliore occasione per far conoscere questo nuovo polo, che andrà a regime entro il 2020 – ha dichiarato il rettore dell'Università di Bologna, Francesco Ubertini – e che riunirà in un solo luogo tutte le facoltà di Chimica, il dipartimento di Farmacia e Biotecnologie e quello, già presente, di Astronomia”.

Intanto, oggi vi stanno trovando posto circa 2mila fra neolaureati e laureandi delle più diverse discipline e provenienze, arrivati per sedersi al tavolo con 37 aziende in cerca di personale, fra brand del commercio, della manifattura e del mondo della consulenza, senza dimenticare gli studi legali e il comparto bancario.

RECDAYGC_26297687_114323

“Il segnale positivo è che le domande degli studenti crescono ogni anno in modo esponenziale – ha sottolineato, poi, il rettore – e si segnala, come noto, una forte richiesta di manodopera nell'ambito tecnico-scientifico, ma la nostra volontà è quella di venire incontro, attraverso iniziative come questa, ad ognuno dei nostri iscritti”.

Da Bonfiglioli a Coesia, tra gli altri, passando per Crif, Gruppo Hera, Sacmi e Whirlpool, fino a Unicredit, Gucci e Lidl, decine di attori di punta del mondo del secondo e terzo settore stanno vagliando centinaia di curricula, mentre gli aspiranti fremono in fila davanti ai desk (video). Fra loro, nonostante un po' di emozione, la fiducia sembra tanta, anche perché, come dice Ubertini, “i dati del mondo dell'occupazione in Emilia-Romagna sono ottimi e la necessità di reclutare nuove figure accomuna quasi tutte le aziende del territorio”.