Bologna, 8 gennaio 2018 - Il Bologna rompe gli indugi: punta tutto sul ritorno di Blerim Dzemaili (31 anni) e tutti i segnali portano a pensare che il lieto fine sia dietro l’angolo. Lo svizzero potrebbe essere essere in rosa già alla ripresa del campionato con il Benevento. Il ko con il Torino ha lasciato il segno. I rossoblù sono ricaduti in un vizio che pareva sorpassato: quello di perdere senza entrare mai in partita. «Così non si cresce», ha ricordato il diesse Bigon nel dopo partita di Torino, una volta che Fenucci aveva già alzato la voce negli spogliatoi. Donadoni non si tocca.

Leggi anche: Verdi, il Napoli in pressing

E allora non resta che un’alternativa in risposta al brutto ko: il mercato, con l’acquisto di una pedina che alzi il livello di esperienza del gruppo e che di questo gruppo (oltre che del tecnico) ha già fatto le fortune nella passata stagione. La risposta è Dzemaili. Il Bologna sta accelerando i tempi e pure dal Canada arrivano segnali che il ritorno dello svizzero potrebbe essere imminente. Si tratta lo scambio con gli Impact per Saphir Taider, ma a Montreal, oltre al franco-algerino circolano i nomi di altri potenziali sostituti di Dzemaili: Clement Grenier (27) del Lione e l’ex Palermo Pajtim Kasami (25, accostato anche al Bologna) attualmente al Sion.

Questo perché Taider si è preso tempo per riflettere se sia opportuno, a 25 anni, lasciare l’Europa per accasarsi in un campionato ancora in via di sviluppo come l’Mls. Se gli Impact, aspettando la risposta di Taider, cercano alternative, è perché hanno comunque deciso di liberare Dzemaili, che dopo la separazione dalla moglie Erjona ha chiesto di tornare in Europa, a Bologna, anche a costo di rinunciare a parte degli oltre 2 milioni di ingaggio percepiti Oltreoceano, per avvicinarsi alla Svizzera e al figlio Luan.

BLERIM_27019743_172556

I prossimi giorni saranno decisivi. Tra martedì e giovedì la dirigenza rossoblù dovrebbe salire a Milano cercare di definire tutte le tessere del puzzle. Per allora, tra l’altro, dovrebbe essere arrivata la risposta agli Impact di Taider, rientrato in Francia facendo sapere che in settimana avrebbe dato notizia delle sue intenzioni. Il franco-algerino piace pure a Genoa, Fenerbahce, Eintracht Francoforte, ma Saputo potrebbe concedergli un aumento di ingaggio rispetto all’attuale milione netto percepito per convincerlo a raggiungerlo a Montreal. In caso contrario, virerà su altri obiettivi.

A Milano, la dirigenza rossoblù dovrebbe approfondire pure l’affare Petkovic con l’Hellas Verona, aspettando la risposta di Crisetig al Crotone. Sul fronte Verdi, invece, il Bologna pare ricompattarsi. Il giocatore insiste sulla propria posizione: prima dell’estate non vuole prendere in considerazione l’idea del trasferimento. Bigon, dopo la disfatta di Torino, ha confermato che non si muoverà. Il Napoli tenterà molto probabilmente un nuovo assalto. Il mercato, insomma, inizia a entrare nel vivo e la prima mossa che i rossoblù hanno intenzione di compiere porta a Dzemaili.