Bologna, 3 settembre 2017 - Sono seduti a terra davanti a palazzo Re Enzo. Chiacchierano, cantano e aspettano che si aprano le porte per il concerto di Radio Bruno Estate, che questa sera, dalle 20, si terrà in Piazza Maggiore con la partecipazione del direttore del Resto del Carlino, Andrea Cangini, media partner dell’evento.

Alle 11,30 in fila ai due lati del Nettuno ci sono un centinaio di persone (FOTO). Le norme antiterrorismo, infatti, vietano ai futuri spettatori di accalcarsi sotto al palco: l’ingresso con apposito tagliandino per uscire e rientrare sarà garantito solo dal Nettuno dalle 16 in poi. Una misura che secondo Martina Mazzuferi, fan romana di Federica Carta, “ha portato molte persone ad arrivare dopo rispetto agli anni precedenti”. Ma nonostante ciò, lei e il suo gruppo di amici, tutti fan sfegatati di Federica, hanno deciso comunque di arrivare alle 7 per poter incontrare la cantante: “Stiamo per andare in stazione, forse lì riusciremo a vederla”.

image

Martina in parte ha ragione: molti turisti probabilmente hanno preferito arrivare un poco dopo. Non tutti però. C’è chi da casa è partito ancora a notte fonda solo per assicurarsi un posto sotto al palco. La prima ad essere arrivata si chiama Debora Dalla Puppa, è qui dalle 2  del mattino: “In piazza Maggiore a quell’ora c’ero solo io, mi sono riparata sotto i portici per la pioggia e poi ho aspettato che arrivassero le persone”.

Da Venezia è un bel viaggio ma per Ricky e Thomas, le due stelle di Amici, si fa questo ed altro. Dopo poche ore sono arrivate Roberta Dalle Donne con sua figlia, che aspetta anche lei trepidante l’esibizione di Riki, ed Eva Adamo. Tutte e tre bolognesi e fan del concertone di Radio Bruno, che sotto le Due Torri chiude la stagione 2017 dopo Brescia, Cesenatico, Mantova e Modena.

Per Roberta è il quarto anno di fila: “Tre anni fa ero in piazza VIII Agosto ed ora sono qui”. Una passione che sfida la paura e le possibili complicanze dovute alle nuove norme antiterrorismo che vietano di portare zaini voluminosi, caschi, aste per selfie, macchine fotografiche, ombrelli, bombolette spray, bottiglie chiuse e lattine. La musica, però, non può essere scalfita da nulla. Nella piazza risuonano le note di Fabio Rovazzi e di “Shape of you” di Ed Sheeran; i passanti si fermano, come stregati, e per un attimo tutto sembra acquistarsi.