Colli al Metauro, 17 giugno 2017 - I carabinieri della stazione di Saltara (Colli al Metauro) hanno arrestato in flagranza di reato un pusher 30enne del posto che aveva appena venduto droga a un minorenne. E’ accaduto a Calcinelli davanti ad un bar in cui i militari avevano da tempo registrato una strana concentrazione di assuntori di sostanze stupefacenti, perlopiù minorenni.

Nel frattempo erano anche arrivate diverse segnalazioni di genitori preoccupati per le mutate abitudini di vita dei loro figli, accompagnate non di rado da ammanchi in casa di denaro e gioielli. Sulla scorta di ciò i carabinieri hanno attivato un servizio di osservazione e dopo alcune giornate trascorse infruttuosamente, giovedì pomeriggio hanno notato arrivare al bar e sedersi all’esterno C.G. 30enne del posto, ben noto per i suoi trascorsi con la giustizia. Subito dopo è arrivato un ragazzo, che si scoprirà essere un minorenne, con cui avvia una concitata trattativa. Al termine del colloquio l’uomo entra nel bar e dopo poco ne esce con un involucro che consegna al minore, il quale lo nasconde subito negli slip. In cambio il ragazzo consegna alcune banconote e l’uomo, dopo averle contate, le ripone nel marsupio.

A quel punto i carabinieri hanno bloccato i due. Il minore alle contestazioni dei militari ha consegnato l’involucro nascosto negli slip, contenente 10 grammi di hashish avvolti in della carta da forno; mentre C.G. è stato sorpreso con 145 euro, frutto della “vendita” e con un grammo di hashish. A casa del pusher i carabinieri hanno poi rinvenuto altri 120 grammi di hashish. Stante la flagranza del reato, aggravato dall’aver ceduto droga ad un minore, C.G. è stato subito tratto in arresto e portato nel carcere di Pesaro in attesa del giudizio di convalida.