Jolanda di Savoia (Ferrara), 3 novembre 2017 – Erano in un'azienda faunistico venatoria, ma hanno sparato a volatili rari e protetti, Per questo due cacciatori di Vicenza sono stati denunciati per abbattimento in concorso di specie di fauna selvatica nei cui confronti la caccia non è consentita.

Sono stati gli uomini della polizia provinciale a mettere a segno l'operazione a Iolanda di Savoia. Gli agenti, appostati con i binocoli, hanno notato un capanno di caccia al cui interno stavano i due uomini che avevano di fronte delle gabbiette al cui interno c’erano delle allodole utilizzate come richiami vivi.

Dopo averli osservati a lungo, appena smesso di cacciare gli agenti sono intervenuti per il controllo, trovando così i 21 esemplari già morti di pispola (Anthus pratensis), nei cui confronti la caccia è sempre vietata.

“Un plauso ai colleghi per l’ennesimo intervento finalizzato al rispetto delle regole – dice il comandante della Polizia provinciale, Claudio Castagnoli –; purtroppo siamo sempre meno numerosi – aggiunge - e ci scusiamo con quei cittadini se, per la carenza di organico, non riusciamo a rispondere a tutte le richieste che ci vengono rivolte".