Macerata, 4 febbraio 2018 - Lucido, calmo, determinato e per nulla pentito. Ha reso “ampie ammissioni spontanee”, Luca Traini, 28 anni, che ieri ha impugnato la sua pistola Glock e ha sparato all'impazzata in giro per Macerata colpendo e ferendo, per fortuna non mi maniera mortale, 6 persone, tutte di colore, tutte scelte a caso.

Erdogan: "Attacco razzista contro l'Islam"

image

Ha spiegato che la decisione di usare la pistola, per la quale aveva un porto d'armi per uso sportivo, è maturata dopo gli orrori letti sulla morte di Pamela Mastropietro e che non ne è pentito, anzi, ha ribadito il concetto espresso subito l'arresto: “Ho fatto quello che andava fatto”. Nella sua auto sono stati trovati molti proiettili ancora intonsi, segno che avrebbe potuto continuare a lungo.

image

Ora è accusato di strage aggravata dalle finalità di razzismo – oltre che porto d'armi abusivo e altri reati minori - e si trova, ironia del sistema giudiziario, a Monteacuto, ossia lo stesso carcere di Innocent Oseghale, il nigenriano di 29 anni accusato di di omicidio, vilipendio e occultamento del cadavere della diciottenne Pamela, trovata fatta a pezzi e chiusa in due valigie. Traini e Osseghale sono ovviamente in due reparti diversi e l'italiano viene “tenuto accuratamente lontano anche dagli altri detenuti di colore”.

"E' lucido e determinato - dicono gli investigatori - non ha fatto passi indietro, non ha cambiato versione, non si è pentito neanche per un istante". 

image

InTanto, le indagini non si fermano. Nel corso delle perquisizioni domiciliari, gli investigatori hanno trovato una copia del Mein Kampf, una bandiera con la croce celtica e altre pubblicazioni riconducibili all'estrema destra sono stati sequestrati dai Carabinieri a Tolentino, a casa della madre di Traini. Gli investigatori hanno anche sequestrato i computer dell'uomo per verificare se vi siano elementi utili alle indagini anche se, spiegano, i fatti sembrano abbastanza chiari.

TRAINIGC_28673857_193951

L'avvocato: "Incapace di intendere e di volere al momento del gesto"

"Il gesto si pone al di là di qualsiasi logica: la morte di Pamela ha creato un blackout totale nella sua mente. Un blackout che potrebbe configurare l'incapacità di intendere e di volere al momento del gesto stesso", sono le parole dell'avvocato Giancarlo Giulianelli che da ieri sera assiste Traini. Il legale ha annunciato che molto probabilmente chiederà una perizia psichiatrica e nominerà dei consulenti in vista dell'esame.
Giulianelli ha poi sottolineato che Traini ha alle spalle un "vissuto di sofferenza" rintracciabile in una separazione tormentata dei genitori e nella storia finita male con una ragazza che, a dire dello stesso ventottenne, aveva problemi di tossicodipendenza.

All'avvocato, Traini avrebbe anche detto di non essere in cura da alcun psichiatra e che sarebbe stata una sua amica psicologa a diagnosticargli una personalità bipolare.  "Il gesto è gravissimo, non c'è nulla da dire - ha aggiunto Giulianelli - ma quello che mi ha sconcertato ancora di più sono i commenti che appoggiavano il gesto. Questo fa comprendere un malessere generale, che una parte della politica ha cavalcato e che un'altra parte della politica ha sottovalutato".

LA MANIFESTAZIONE - In centinaia sono scesi in strada per ai Giardini Diaz, a Macerata, per urlare no al "terrorismo fascista". Tra loro c'era anche Sammy Kunoun, il presidente della comunità nigeriana maceratese. "Questa era una città dell'accoglienza e oggi mi viene da piangere. Speriamo che abbassino tutti i toni e ragionino. Ma il problema è che in Italia e in Europa si vincono le elezioni sull'immigrazione".