Modena, 30 ottobre 2017 - "Mia sorella è sotto shock, ha 84 anni e ha già vissuto in passato il trauma dei ladri, per fortuna fisicamente sta bene ma è stata una bruttissima esperienza". A parlare è la sorella dell’anziana vittima del violento scippo avvenuto sabato pomeriggio all’angolo tra via Leonardo Da Vinci e via Curie.

Siamo al villaggio Giardino, l’ampio quartiere cresciuto negli anni ‘70, una volta ‘isola felice’ per i tanti residenti e ora, come molte zone della città, preda di criminali senza scrupoli, come i due giovanissimi rapinatori che non hanno esitato a spintonare una donna anziana, che passeggiava tranquillamente in pieno giorno, sorprendendola alle spalle per strapparle la borsetta e dileguarsi a piedi. La donna è caduta sul marciapiede ferendosi un ginocchio.

Avrebbe dovuto percorrere soltanto pochi metri che la separavano dalla casa della sorella quando è stata aggredita. Sul posto è arrivata subito un’ambulanza, che l’ha trasportata al pronto soccorso dove è stata medicata per le escoriazioni al ginocchio. Una volante ha raccolto la testimonianze della pensionata e ora sta cercando di rintracciare i responsabili dello scippo. Dalle descrizione fornite pare che fossero giovanissimi, forse stranieri. "Qui ormai non siamo più tranquilli, questo quartiere sembra essere sotto tiro dei criminali – continua la donna – ho sentito anche di altri furti e borseggi. Speriamo di sensibilizzare le forze dell’ordine affinché controllino di più". Timori comuni a tanti residenti interpellati: "Qui le cose sono cambiate in peggio – dice un’altra signora che abita nel quartiere – io non ho mai avuto paura ad uscire da sola ma ora davvero non mi fido più".