Ravenna, 17 luglio 2017 - Mare mosso e giornata super impegnativa per i bagnini. Le onde alte e il vento di questa afosa domenica di luglio non hanno fermato i tanti bagnanti che si sono concessi un tuffo in mare. Nonostante la bandiere rosse esposte in tutti gli stabilimenti balneari della costa e nonostante i bagnini di salvataggio fossero a riva e in acqua con fischietti ad invitare alla massima prudenza.

A Lido di Classe ieri mattina è stato effettuato un intervento con la moto d’acqua a nord della spiaggia libera, alla sinistra dell’ultima postazione. Il bagnino, vista la situazione di difficoltà, è intervenuto con la moto d’acqua per riportare a riva cinque persone in difficoltà. I malcapitati - quattro adulti e un bambino - erano aggrappati a un galleggiante ed erano stati spinti al largo dalla corrente; a quel punto però non sapevano più come tornare a riva. Sempre a Lido di Classe è stato chiamato il 118 per una ragazza in mare che stava rischiando di annegare e sono stati effettuati tanti intrerventi anche nella zona dei campeggi di Punta Marina. Mattinata concitata pure a Lido di Dante, dove sono state recuperate cinque persone e portate a riva sane e salve.

Ma anche più a sud, nelle Marche, i bagnini e la capitaneria di porto hanno eseguito un salvataggio importante. Ieri mattina, intorno alle 10, a San Benedetto del Tronto un 57enne turista di Ravenna, ha rischiato di essere trascinato via dalla risacca che si forma alle imboccature delle scogliere frangiflutto ed è stato necessario l’intervento dei bagnini e la collaborazione di un sommozzatore del primo nucleo sub di San Benedetto che si trovava in spiaggia fuori servizio. Il turista romagnolo è stato portato a riva e poi affidato al personale del 118 che l’ha trasportato al Pronto Soccorso di San Benedetto per controlli. Stremato dalla fatica e spaventato per il rischio corso, ha ringraziato i soccorritori prima di salire in ambulanza.