San Marino, 10 gennaio 2018 - Troppo gravi le fratture al volto, alla testa e a una gamba. Dopo due giorni di agonia, è morta ieri pomeriggio all’ospedale Bufalini di Cesena Imen Naji, la 18enne di origini marocchine investita lunedì mattina all’alba in Città. Le sue condizioni erano apparse subito gravissime agli operatori sanitari che avevano richiesto l’immediato trasferimento al reparto di Anestesia e Rianimazione dell’ospedale cesenate.

Secondo le prime ricostruizioni, la giovane stava camminando sul lato destro di via Piana quando, più o meno all’altezza del civico 19, è stata investita da un’automobile guidata da un cittadino sammarinese di 61 anni. L’impatto è stato violentissimo e l’autista del mezzo, ancora sotto choc, ha affermato di non avere proprio visto la giovane camminare sulla strada, ma di avere solo avvertito un disumano impatto sul cofano.

Difficile al momento capire con precisione che cosa sia successo, la dinamica del tragico sinistro è infatti al vaglio della Sezione Pronto intervento della Polizia civile che è arrivata immediatamente sul posto. Immediati anche i soccorsi del personale del 118 che l’ha portata in ospedale dove la ragazza è stata sottoposta a una serie di accertamenti che hanno subito evidenziato lesioni gravissime al volto e al cranio, oltre ad una frattura a una gamba.

Con ogni probabilità Imen lunedì mattina stava ritornando a casa, nell’appartamento del complesso di piazzale della Stazione dove viveva con alcuni amici. La giovane, i cui genitori e i fratelli sono residenti a Pietracuta di San Leo in zona Pianacci, era conosciuta sul Titano. Da tempo lavorava per alcuni ristoranti, bar e pasticcerie del centro, ed era iscritta alle liste di collocamento sammarinesi per trovare un impiego più stabile.

"E’ una notizia terribile – commenta il sindaco di San Leo Mauro Guerra – Dispiace davvero tanto, era una ragazza che si è sempre impegnata tantissimo dimostrando grande tenacia sia a scuola che sul lavoro". La comunità di Pietracuta è infatti scossa e senza parole per questo tragico indicente che ha strappato alla vita la giovane.