Rimini, 11 settembre 2017 - Guerlin Butungu (FOTO) forse a giudizio immediato. Il congolese di 20 anni, considerato il capo del branco accusato degli stupri di Rimini del 25 agosto scorso ai danni di una turista polacca e di una prostituta transessuale, potrebbe arrivare a processo addirittura in meno di 6 mesi. Secondo la Procura di Rimini, il procuratore capo Paolo Giovagnoli e il sostituto Stefano Celli, potrebbero chiedere il processo entro sei mesi dall'arresto (come previsto dalla legge).  

ARREFOTO_25089463_082349

Al momento Butungu, unico maggiorenne del gruppo, è detenuto nel carcere dei 'Casetti' di Rimini con le accuse di rapina aggravata, violenza sessuale di gruppo e lesioni aggravate. 
Le prove contro di lui sarebbero sufficienti perché c'è il riconoscimento da parte delle persone offese, l'ammissione dello stesso Butungu di aver preso parte all'aggressione e alle violenze, i racconti dei complici minorenni. A carico del congolese ci sono naturalmente anche le prove raccolte dalla Mobile.
Per la richiesta della Procura, che dovrà essere valutata dal Gup senza udienza preliminare non servirebbe attendere neanche la prova del Dna per chiedere il processo immediato. Per i minorenni, i due fratelli marocchini di 15 e 16 anni e il nigeriano di 16, deciderà la Procura del Tribunale dei minori di Bologna. I due fratelli continuano a puntare il dito su Butungu, indicandolo come il capo carismatico del gruppo. Quello che comandava e al quale, hanno detto, loro "ubbidivamo come cani". A sentirli non hanno violentato nessuno, ma a inchiodarli c’è invece la deposizione delle vittime che non sembra lasciare loro scampo.

image