Rovigo, 27 giugno 2017 - Sei anni e quattro mesi dopo la presentazione del progetto è operativa la nuova questura di Rovigo. Da ieri mattina infatti tutti gli addetti, questore compreso, sono sistemati nei loro nuovi uffici in piazza D’Armi, cioè nell’enorme spiazzo che fino a qualche anno fa ospitava le giostre della fiera d’ottobre. A fianco al circolo del Tennis e allo stadio di calcio Gabrielli. L’edificio, bianco e imponente, è visibile dalla strada ormai da parecchio tempo. Il cantiere si è trascinato a lungo. Secondo gli annunci dell’allora presidente del Magistrato alle Acque, Patrizio Cuccioletta, sarebbe stato tutto pronto entro il 2012.

Dunque gli anni di ritardo sono quattro e mezzo. Per l’inaugurazione ufficiale si dovrà attendere ancora un po’ di tempo. È probabile che in quell’occasione a Rovigo sia presente almeno un ospite illustre, rappresentante delle istituzioni a livello nazionale. Ormai la vecchia sede di vicolo Donatoni, in pieno centro, tra il retro dei giardini delle Due Torri e il Duomo, è chiusa. Una delle ipotesi è che lì, dopo un restauro, venga spostato il comando provinciale della Guardia di Finanza. Ma non c’è ancora nulla di certo né di definitivo. La presentazione del progetto della nuova questura aveva avuto luogo in prefettura a Rovigo l’11 marzo del 2011 in occasione dell’assegnazione dei lavori per la realizzazione dell’opera che furono assegnati al consorzio di imprese Consta, all’interno del quale c’erano diverse imprese padovane tra le quali la Mattioli Spa. L’importo a base d’asta era di circa 13 milioni di euro, Consta aveva offerto un ribasso di circa l’11 per cento. Consta ha però avuto problemi finanziari. Nell’ottobre del 2013 dal tribunale di Padova ha ottenuto il concordato preventivo. Il cantiere è poi stato portato avanti, fino ad ultimazione lavori, da Sicea. Grossa società di Vigonza nata alla fine degli anni Novanta all’interno di un primario gruppo italiano di costruzioni quale Rizzani de Eccher Spa. Per gli utenti della questura di Rovigo non cambia sostanzialmente nulla, a parte l’indirizzo. Gli uffici anticrimine sono aperti dalle 9 alle 13 dal lunedì al sabato, così come l’ufficio relazioni con il pubblico.

L’ufficio concorsi stessi orari ma fino al venerdì. L’ufficio immigrazione dalle 8,30 alle 13 dal lunedì al venerdì e dalle 15 alle 17 martedì e giovedì. L’ufficio minori dalle 8 alle 14, dal lunedì al sabato. L’ufficio armi invece il martedì dalle 11 alle 13 e dalle 16 alle 17. Il mercoledì dalle 10 alle 12 e il giovedì dalle 16 alle 17, come l’ufficio licenze. Mentre l’ufficio passaporti il lunedì e il mercoledì dalle 15 alle 17, il martedì e il giovedì dalle 8,30 alle 10,30.