Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
4 nov 2021

Marche, un ambiente eccellente: aria, acqua e rifiuti da dieci e lode

Il rapporto dell’Arpam raccolto per la prima volta in un volumetto, descrive una regione da elogiare. Il direttore Marchetti: "Abbiamo il 71% di raccolta differenziata, nessuna criticità rilevante"

4 nov 2021
Il direttore regionale dell’Arpam, Giancarlo Marchetti
Il direttore regionale dell’Arpam, Giancarlo Marchetti
Il direttore regionale dell’Arpam, Giancarlo Marchetti
Il direttore regionale dell’Arpam, Giancarlo Marchetti
Il direttore regionale dell’Arpam, Giancarlo Marchetti
Il direttore regionale dell’Arpam, Giancarlo Marchetti

Le Marche e l’ambiente, presentato il primo rapporto redatto dall’Arpam, l’agenzia regionale per l’ambiente, in collaborazione con la Regione. Gli indicatori ambientali parlano di un territorio in salute analizzando le 6 voci su cui è stato costruito il rapporto: qualità dell’aria, dell’acqua , coste e balneazione, agenti fisici (campi elettromagnetici e inquinamento acustico), suolo e rifiuti. Proprio partendo su quest’ultima voce emerge una delle performance migliori da parte dei marchigiani in questo caso. La nostra regione, infatti, con oltre il 71% di raccolta differenziata è al quarto posto in Italia. Nelle Marche, infatti, si producono 761.532 tonnellate di rifiuti solidi urbani cioè 499 kg pro-capite e la raccolta differenziata nel 2020 è stata del 71,84% (Italia 61,28% nel 2019) per un totale di 541.046 tonnellate, tra le migliori a livello nazionale. È solo uno dei dati contenuti in ‘Marche Ambiente’: "In effetti sulla raccolta differenziata le Marche hanno ottenuto un grande risultato _ conferma il direttore dell’Arpam, Giancarlo Marchetti _. In linea generale, analizzando tutte le voci, la regione è leggermente al di sopra della media nazionale e tra le regioni più virtuose. La balneazione e la qualità del mare sono ottime, mentre per quanto riguarda il consumo del suolo nell’ultimo anno è stato irrilevante. Non si rilevano, inoltre, criticità sulla qualità dell’aria. Negli ultimi cinque anni, per quanto riguarda le polveri sottili, solo una stazione nel Pesarese ha superato di appena un giorno il limite consentito di legge di 35 sforamenti, polveri dovute alla provenienza dalla pianura padana. Per il resto le 17 stazioni regionali non hanno riscontrato anomalie". Soddisfazione è stata espressa dall’assessore regionale con delega all’ambiente, Stefano Aguzzi: "Un’iniziativa assolutamente lodevole. Questo volume è stato redatto per la prima volta nelle Marche. Dal dossier emergono dati positivi per l’ambiente nelle Marche ma non siamo esenti dalle dovute ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?