Fabriano (Ancona), 12 giugno 2019 - "La cultura va oltre ogni confine come dimostra il prestito del museo Ermitage del capolavoro di Leonardo (video) oggi qui a Fabriano (che definisce "splendida", ndr), Unesco è il punto nevralgico di questo scambio culturale che l'Italia sostiene". Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella (foto), è al Teatro Gentile per assistere alla cerimonia di apertura della 13esima edizione della Conferenza delle Città Creative dell'Unesco, il più importante appuntamento internazionale della rete delle città creative Unesco, promosso in Italia da Maria Francesca Merloni, Unesco Goodwill Ambassador for Creative Cities.

Al suo arrivo (video) viene accolto, tra gli altri, dal ministro della Cultura, Alberto Bonisoli, dal prefetto di Ancona, Antonio D'Acunto, dal sindaco di Fabriano, Gabriele Santarelli, dal presidente della Regione Marche, Luca Ceriscoli, dal vice direttore generale di Unesco, Xing Qu, e da Franco Bernabè, presidente della commissione nazionale Unesco. Diverse le autorità civili e militari presenti in piazza Municipio, dove centinaia di cittadini fabrianesi sventolano il Tricolore.

Mattia, 12 anni, consegna al Capo dello Stato una lettera a nome degli alunni delle scuole elementari e medie di Fabriano con i ringraziamenti per la sua presenza in città. In teatro, gremito in ogni ordine di posti, i delegati delle 180 Città Creative, provenienti da 65 Paesi al mondo, per quella che si presenta come la più partecipata conferenza nella storia del network.

Il Forum dei Sindaci e il capolavoro di Leonardo

Alla cerimonia d'apertura segue il Forum dei Sindaci: un'occasione di confronto tra sindaci e delegati provenienti da tutto il mondo, che danno vita a un dibattito internazionale sulle sfide delle città nel XXI secolo, con l'obiettivo di elaborare proposte concrete nella prospettiva di una ridefinizione delle politiche e dei processi di urbanizzazione, alla luce degli obiettivi dall'Agenda Onu 2030.

Sul palco del teatro Gentile per il conclave organizzato in occasione della terza delle sei giornate del meeting Unesco, salgono Giuseppe Sala (Milano), Chiara Appendino (Torino), Federico Pizzarotti (Parma), Virginio Merola (Bologna), Francesco De Pasquale (Carrara) e Matteo Ricci (Pesaro). Sotto il coordinamento del giornalista Beppe Severgnini si parla proprio del ruolo dei Comuni attraverso la voce di chi li guida. 

Dopo l'evento il programma prevede la visita rigorosamente privata alla vicina Pinacoteca Molajoli dove fino al 30 giugno viene esposto il capolavoro giovanile di Leonardo Da Vinci ‘La Madonna Benois’, tornato temporaneamente in Italia dal museo Ermitage di San Pietroburgo dopo 35 anni. "Lo scambio, il prestito temporaneo di capolavori di grandi artisti del passato - dichiara Mattarella - è uno strumento che consente di far circolare la cultura, di sottolinearne l'unicità nella comunità internazionale". 

ll Capo dello Stato è accompagnato da Francesca Merloni, Unesco Goodwill Ambassador, e dalle autorità civili, militari e religiose della regione. All'uscita dalla Pinacoteca, viene applaudito e chiamato da una gran folla che lo attende: Mattarella si ferma e stringe decine di mani. Prima di lasciare Fabriano riceve in dono alcune filigrane artistiche realizzate dal Museo della Carta e da Carifac'arte, la società della Fondazione della locale Cassa di risparmio, raffiguranti l''Uomo vitruviano' di Leonardo da Vinci e 'L'Infinito' di Giacomo Leopardi.

Mattarella a Fabriano, chiusure e limitazioni

Già alle 7 di stamane sono scattate chiusure e limitazioni nella stragrande maggioranza dell’area storica, dove già da lunedì sono spuntati in quattro varchi chiusi dai cosiddetti panettoni, ovvero blocchi di cemento antiterrorismo, mentre tutti gli altri accessi sono costantemente presidiati da uomini e mezzi delle forze dell’ordine che sbarrano la strada. Peraltro da oggi fino a sabato sera il centro rimarrà off limits per i veicoli, con accesso alle auto dei residenti fino alle 18, mentre nelle ore successive la chiusura diventerà integrale in occasione dei principali eventi nella kermesse dell’ente umanitario e quelli della 25esima edizione del Palio di San Giovanni.