Portonovo
Portonovo

Ancona, 10 maggio 2021 - Prove d’estate a Portonovo. La bella giornata di ieri ha visto la baia affollarsi di gente sin dalle prime ore della mattina. Le auto hanno riempito le piazzole lungo la strada del Conero in corrispondenza dei sentieri che conducono a Mezzavalle e alle 10 erano già al completo i parcheggi della Torre e del Lago Grande che dal primo maggio sono a pagamento. Nonostante le spiagge assomiglino più a luoghi ameni con dune di sassi e ghiaia, moltissime sono state le persone che non hanno voluto rinunciare al sole e alla splendida brezza marina di Portonovo.

Il punto Un'altra estate di regole: come andremo in spiaggia quest'anno nelle Marche

"Per il 15 maggio saremo pronti con sdraie e ombrelloni – ci ha detto Edoardo Rubini dello stabilimento Emilia – La spiaggia potrà dare il meglio di sè". I lavori, infatti, non si sono fermati neanche nella giornata di domenica come nello chalet Bonetti dove si sta completando la costruzione del nuovo stabilimento. "Pensiamo di aprire il 17 maggio – ha detto Paolo – sia il bar- ristorante che lo stabilimento, se i lavori proseguiranno con il ritmo giusto".

Il focus Zona arancione: Marche a rischio 'retrocessione'

Gli operatori hanno evidenziato soprattutto le criticità legate ai lavori di manutenzione della strada e del verde ancora non conclusi. "Tutto è partito un po’ in ritardo – ha evidenziato Marcello Nicolini dell’omonimo ristorante – ma in settimana la spiaggia dovrebbe essere pronta per aprire. Ciò nonostante, il ristorante è al completo come domenica scorsa e il 4 maggio".

La spiaggia ieri era diversa dal solito con molte persone in costume, nonostante il forte vento che veniva dal sud e tante famiglie, ben protette da felpe e giubbini, che hanno allestito veri e propri picnic nei luoghi più riparati. Se in spiaggia la stagione estiva poteva sembrare ancora a venire non è stato così nei ristoranti. "Ho individuato una persona apposita per rispondere al telefono – ha evidenziato Federica Rubini di Emilia – Siamo al completo e ci spiace non poter accontentare tutti. Per ora serviamo sulla terrazza che è completamente aperta. Ci adattiamo alle regole e così per il momento organizziamo l’aperitivo e la cena alle 19 che in questi giorni regala affascinanti tramonti sulla baia. Ringraziamo che siamo aperti".

E l’aperitivo è molto gettonato a Portonovo per tutti i locali che hanno posizionato i loro tavoli sulla spiaggia come al Molo dove Giacomo Giacchetti ha sottolineato come la temperatura gradevole abbia portato molte persone. "Potendo usufruire solo degli spazi esterni – ha detto – il nostro lavoro è legato al tempo. Ciò nonostante offriamo un servizio continuato da pranzo all’aperitivo e alla cena. Alle 22 tutti a casa. Con la delicatezza necessaria avvisiamo i nostri clienti che sono sempre disciplinati". Una stagione che si annuncia propizia e che ieri ha già registrato i primi turisti anche stranieri. "Sono sopratutto umbri e romagnoli i primi a giungere in questi giorni dalle altre regioni italiane – ha detto Enrico Giacchetti che nel suo ristorante registra il pieno come negli anni prima della pandemia – Le persone hanno una gran voglia di stare all’aperto e godersi questo splendido luogo. E’ come a Ferragosto".

E tra le novità "estetiche" il murales eseguito sul muro di cinta della Capannina. Un’onda azzurra che percorre tutta la base della terrazza e che è stata eseguita dal pittore Federico Zenobi di Jesi. Beatrice Borghi della Capannina: "Sono bellissime giornate e tantissime sono le persone che vengono a pranzo e a cena, ovviamente nei limiti dei tempi e della temperatura. Ai nostri clienti serali che vengono anche per l’aperitivo, mettiamo a disposizione delle copertine per offrire il massimo del confort".

Anche al campeggio la Torre si lavora alacremente e i posti degli stagionali e semi stagionali sono tutti esauriti. Liberi solo quelli destinati ai passaggi giornalieri o settimanali di cui giungono già moltissime prenotazioni, per ora da Svizzera, Olanda, Francia, Germania, Grecia e Repubblica Ceca.