L'inaugurazione del reparto di Cardiologia (Foto Sgattoni)
L'inaugurazione del reparto di Cardiologia (Foto Sgattoni)

San  Benedetto del Tronto (Ascoli), 13 luglio 2018 - L’ospedale di San Benedetto torna ad avere un reparto di Cardiologia decente, dopo l’inaugurazione di oggi, venerdì 13 luglio: l’unità è stata trasferita dal livello -1, dove condivideva spazi e personale con la Medicina d’Urgenza, al piano +3, passando inoltre da nove a diciotto posti letto (in passato erano diciannove), di cui quattro per ‘terapia intensiva’; e anche la sala operatoria per l’impianto dei pacemaker ha trovato posto sullo stesso terzo piano, dopo incertezze durate fino a pochi giorni prima il taglio del nastro. Il reparto, come ormai noto, ha un carattere prevalentemente ‘riabilitativo’, e in effetti a breve dovrebbe essere trasferita al livello +3 anche la palestra che si trova al momento due piani più in basso.

L’inaugurazione è avvenuta con alcuni mesi di ritardo, per consentire il parziale adeguamento del personale, che pure resta sottodimensionato: mancano infatti due medici, sebbene una dottoressa rientrerà tra un anno al termine di un periodo di maternità. ‘Giallo’ invece sugli infermieri: gli operatori riferiscono di una carenza di sei unità rispetto ai dodici in servizio, e a riprova delle loro affermazioni adducono tra gli altri argomenti il fatto che nel triennio 2015-2017 l’Area vasta 5 abbia sforato di 945 mila euro il ‘fondo per il disagio’, ovvero il ricorso agli straordinari, cioè che indicherebbe appunto un eccessivo ricorso al personale già in servizio, rispetto a quello che andrebbe assunto. In conferenza stampa, invece, i vertici aziendali affermano che l’organico sarebbe al completo.

Sempre oggi sono stati inaugurate le nuove stanze di degenza nel reparto di Pediatria al quinto piano dell’ospedale, e in questo caso il primario, dott. Ermanno Ruffini, ha citato i risultati dell’ultimo anno, con l’incremento dei ricoveri conseguente alla reintroduzione delle cure per patologie neonatali, e il ‘fast track’ o passaggio veloce dei piccoli pazienti dal Pronto soccorso al reparto, sebbene solo dalle 12 alle 14 e dalle 18 alle 20. E soprattutto l’attivazione della guardia medica pediatrica h24. Sempre al quinto piano sono in corso i lavori per realizzare un ‘Hospice’ per malati terminali, che normalmente dovrebbe avere una collocazione ben separata da un ospedale, salvo il fatto che secondo i vertici politici e sanitari non sarebbero attualmente disponibili alternative.
L’ospedale di San Benedetto potrà inoltre avvalersi di due nuovi mammografi, utilissimi per la prevenzione e la cura del tumore al seno, che si aggiungono al nuovo circuito della ‘breast unit’ per stabilire un percorso rapido e multidisciplinare della stessa patologia. Le ultime novità annunciate venerdì sono due app per smartphone: Solariq per la scelta e la revoca del medico di famiglia e del pediatra, onde accorciare le code allo sportello di via Romagna, e Zerocoda per la prenotazione dei prelievi al Laboratorio analisi, dove per lunghi anni si sono accumulate le proteste degli utenti e degli stessi operatori, anche in questo caso in carenza di organico.