Ascoli, 9 settembre 2015 - «Regista dai piedi molto buoni e dalle capacità balistiche notevoli»: la stampa slovena descrive così Goran Cvijanovič, ultimo acquisto dell’Ascoli proveniente dal Rijeka, la squadra della città di Fiume (oggi Croazia). Ventinove anni appena compiuti, 1 metro e 78 per 75 chili, Cvijanovič in passato ha vestito anche la maglia della nazionale slovena, sia Under 21 (quattro presenze) che maggiore (altrettante). Dal 2008 in poi ha disputato 58 incontri internazionali, conditi da 2 reti, con le maglie di ND Gorica (Slovenia), Maribor (Slovenia) e, appunto, Rijeka: quattro gare di Intertoto, tredici per le qualificazioni di Europa League, venticinque incontri di Europa League e sedici per le qualificazioni di Champions. Nell’ultima stagione il suo Rijeka, club croato di proprietà dell’italiano Gabriele Volpi (già patron dello Spezia), si è classificato terzo (con 7 punti) nel girone di Europa League giocato con Feyenoord (primo classificato con 12 punti), Siviglia (secondo a 11 punti) e Standard Liegi (quarto a 4 punti). Cvijanovič non arriva in prestito ma è a tutti gli effetti uno giocatore di proprietà dell’Ascoli.