Il nido di Minerbio dove ieri pomeriggio è morto il piccolo (Foto Radogna)
Il nido di Minerbio dove ieri pomeriggio è morto il piccolo (Foto Radogna)

Minerbio (Bologna), 13 aprile 2018 - Durante il pisolino pomeridiano potrebbe essere stato colpito da un malore o soffocato da un rigurgito alimentare. Ancora troppe le ipotesi per una morte misteriosa, improvvisa, apparentemente senza un perché. Così si è spenta la vita di un bimbo di 19 mesi, Alessandro Gaccione, ieri pomeriggio, nell’asilo ‘Mary Poppins’, in via Savena Superiore a Minerbio. La tragedia si è verificata dopo pranzo intorno alle 15,30: il piccolo non si svegliava più e la maestra si è accorta che respirava a fatica ed era molto pallido.

AGGIORNAMENTOBimbi morti, fiaccolata per i due angeli di Minerbio

Questione di attimi, e la tragedia si è materializzata in pochi secondi. Le condizioni del piccolo sono subito apparse gravi, e la maestra ha iniziato le procedure di primo soccorso. Intanto, in pochi minuti, è arrivato il 118. Il bambino è apparso cianotico e il battito era impercettibile. Le sirene si sono accese e l’ambulanza è volata all’ospedale di Bentivoglio, la struttura più vicina. Una corsa contro il tempo mentre ad attendere l’ambulanza c’erano i medici. Purtroppo, durante il tragitto al nosocomio, il piccolo è deceduto. Le hanno provate tutte i sanitari, ma nessun tentativo è riuscito a fargli riaprire gli occhi. Lo staff del 118, dopo la chiamata delle maestre, ha contattato i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Molinella e i colleghi della stazione di Minerbio. Sul piccolo non c’erano segni di violenza e anche il cibo consumato a pranzo rispondeva a tutte le prescrizioni sanitarie.

Poche ore prima un'altra tragedia nello stesso paese: morta una neonata in culla

I genitori e i nonni del piccolo si sono precipitati al pronto soccorso dove hanno ricevuto la terribile notizia dai sanitari. Il corpo è stato trasportato alla medicina legale su disposizione del magistrato Roberto Ceroni. L’autopsia sarà l’elemento chiave dell’indagine, i cui esiti orienteranno il prosieguo dell’inchiesta e saranno decisivi per determinare la causa della morte. Del resto, pare che il bambino la sera prima avesse qualche linea di febbre, ma non stesse così male da far preoccupare i familiari. Ad accorrere sul posto, ieri, il sindaco di Minerbio Lorenzo Minganti: "Oggi (ieri per chi legge; ndr) rimane solo il dolore, non c’è altro da dire se non esprimere la nostra vicinanza alla famiglia in questo momento terribile". Il personale dell’asilo Mary Poppins ricostruisce l’accaduto: "In 13 anni non si sono mai verificati problemi o incidenti. Quando ci siamo accorti che Alessandro stava male, si sono attivate tutte le procedure per soccorrerlo".

Tutto è accaduto durante il pisolino: "Quando il piccolo è stato alzato dal lettino e abbiamo visto che non si svegliava – prosegue il personale dell’asilo –, abbiamo subito chiamato i soccorsi. Avevamo da poco effettuato il corso di aggiornamento per il primo soccorso e subito una maestra ha praticato il massaggio cardiaco e tutte le procedure per rianimarlo. Intanto, in contatto telefonico con il 118, abbiamo seguito le indicazioni dei sanitari. Siamo vicini alla famiglia con quale abbiamo un rapporto familiare".

Il Pm di turno Roberto Ceroni ha disposto l'autopsia, che potrebbe essere eseguita oggi, per fare chiarezza sulle cause