Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
29 dic 2021

Covid, si va verso il giallo Donini: "La possibilità c’è"

L’assessore regionale: "Decisivi i prossimi giorni per i reparti ordinari". Bordon (Ausl): "Da lunedì accolte altre 15 persone nella rete ospedaliera"

29 dic 2021
I presenti alla cerimonia di ringraziamento nella Casa della salute di via Sant’Isaia
I presenti alla cerimonia di ringraziamento nella Casa della salute di via Sant’Isaia
I presenti alla cerimonia di ringraziamento nella Casa della salute di via Sant’Isaia
I presenti alla cerimonia di ringraziamento nella Casa della salute di via Sant’Isaia
I presenti alla cerimonia di ringraziamento nella Casa della salute di via Sant’Isaia
I presenti alla cerimonia di ringraziamento nella Casa della salute di via Sant’Isaia

L’Emilia-Romagna vede un nuovo anno sul filo della zona gialla. Il cambio di colore a breve, ormai, non è più un’ipotesi remota. Ad ammetterlo è l’assessore regionale alla Salute, Raffaele Donini: "Direi che la possibilità c’è", ammette, a chi gli pone la domanda. A pesare sarà l’andamento dei prossimi tre o quattro giorni: "In questa settimana è decisivo soprattutto il livello di criticità dei reparti ordinari. Noi siamo attorno al 13-14%, quindi potrebbe essere che tra qualche giorno si possa superare questa criticità". L’asticella è fissata al 15%. A rallentare la salita verso quella soglia decisiva contribuisce, spiega Donini, il fatto che i tempi di degenza si siano accorciati per i vaccinati: "Questi giorni sono decisivi per capire". In ogni caso, "in valore assoluto è chiaro che, più contagi ci sono, più qualcuno che possa avere bisogno per qualche giorno di cure ospedaliere sicuramente c’è". I fari in queste ore sono puntati sulla variante Omicron, la cui diffusività in Emilia-Romagna "ha raggiunto oltre il 20% dei casi totali, ma che si pensa possa progredire rapidamente, perché in altre regioni, penso alla Lombardia, è già al 40%". Il lato positivo è che i casi non aumentano in proporzione alle ospedalizzazioni, "ma in valore assoluto ci aspettiamo anche qualche numero in più nei reparti". In tutto questo, nelle terapie intensive, "la grande maggioranza dei ricoverati, oltre il 70% in regione, sono persone non vaccinate nemmeno con una dose". Considerazioni fatte alla Casa della salute Porto Saragozza di via Sant’Isaia, dove da ieri campeggia un maxi poster che ringrazia i volontari delle associazioni impegnate nel supporto alla campagna di vaccinazioni. Il fondale richiama la cerimonia di ringraziamento che si è svolta al Maggiore a settembre ed è stato svelato durante un’iniziativa promossa dall’associazione Andromeda, dalla Conferenza territoriale sociale e sanitaria metropolitana e da ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?