I gemelli Yosri Souaieh e Yasser Souaieh e Nadhem Ben Belgacem
I gemelli Yosri Souaieh e Yasser Souaieh e Nadhem Ben Belgacem

San Giovanni in Persiceto (Bologna), 7 giugno 2020 - Tre ragazzi tra i 20 e i 21 anni e una bimba di appena 9. Sono loro le vittime di un terribile incidente (video) che si è verificato ieri sera intorno alle 22 lungo la strada che collega San Giovanni in Persiceto e Crevalcore, nella Bassa bolognese. Un impatto tremento (foto) che ha distrutto le due auto coinvolte: una Peugeot 106 con i tre ventenni e una Bmw 320 sulla quale era Jessica: la bimba era assieme al compagno della madre che ora è in gravissime condizioni all'ospedale Maggiore di Bologna.

Leggi anche Incidente a San Giovanni, i testimoni: "La mamma stringeva Jessica sull'asfalto" - Il racconto della barista: "Sono andati via sgommando" / VIDEO - Aggiornamento Le indagini puntano su velocità e alcol

I tre ragazzi erano appena usciti da un bar dove - secondo il racconto della barista Loredana Bottagin - non avevano consumato nulla. Almeno non lì. "I tre ragazzi sembra siano usciti dal bar in maniera impropria, qualcuno dice che non fossero proprio sobri", è il commento del sindaco di San Giovanni in Persiceto, Lorenzo Pellegatti.

Sta di fatto che se ne sono andati a tutto gas. E' stato allora che - per cause sulle quali stanno indagando i carabinieri e gli agenti della polizia locale - la loro Peugeot si è scontrata frontalmente con la Bmw- Alla guida della Peugeot c'era un ragazzo tunisino di 21 anni e a bordo con lui c'erano il fratello e un amico di 20 anni. Erano tutti residenti a Nonantola (in provincia di Modena ma poco distante dal dove è avvenuta la tragedia). Sulla Bmw, invece, un uomo di Crevalcore, 51 anni, che è rimasto ferito molto gravemente, mentre Jessica, la figlia della compagna (che era in auto con lui), di 9 anni, è rimasta uccisa.

Nell'impatto è rimasto ferito un uomo di 69 anni, che era seduto fuori dal bar.

false

Sul posto, si sono precipitati tre ambulanze del 118 con l’auto medica, e l’elisoccorso è decollato dall’ospedale Maggiore di Bologna, anche se il velivolo alla fine non è stato utilizzato per trasportare alcun ferito. Per la piccola e per i tre giovani a bordo della Peugeot, purtroppo, non c’è stato nulla da fare, nonostante i tentativi di salvarli da parte dei sanitari del 118. E' stato invece portato con grande urgenza all'ospedale Maggiore di Bologna l'uomo di 51 anni alla guida della BMW.

Non appena si è sparsa la notizia del tragico incidente, su via Crevalcore si sono riversati anche molti parenti delle vittime, sconvolti e disperati, compreso il sindaco di San Giovanni in Persiceto, Lorenzo Pellegatti. "Quel tratto di strada provinciale è molto trafficato, un lungo rettilineo che attraversa la frazione di Amola. È necessario intervenire per metterlo in sicurezza - ha detto il sindaco a E'Tv -. La questione - ha spiegato - è in capo alla Città Metropolitana, le competenze sono trasferite a loro. Ma è necessario mettere in campo rallentatori, semafori, spartitraffico".