Quotidiano Nazionale logo
22 gen 2021

La terza via delle primarie: online e in presenza

Dal Nazareno Vaccari rassicura: "Piattaforma inedita. Si punta alla modalità ’fisica’ per certe fasce. Lo Statuto? Non cambia"

Il segretario del Pd bolognese, Luigi Tosiani
Il segretario del Pd bolognese, Luigi Tosiani
Il segretario del Pd bolognese, Luigi Tosiani

La sinistra vive di svolte, si sa. Il Pd non è da meno, ma ora la svolta sarà digitale. La grande domanda se le primarie online (che potrebbero essere di coalizione) diventeranno realtà sotto le Due Torri continua a tenere banco. Il summit di lunedì tra Stefano Vaccari, responsabile organizzazione del Pd nazionale, Nicola Oddati, braccio destro di Nicola Zingaretti, e i vari segretari dem provinciali delle città capoluogo che andranno al voto amministrativo (tra le quali Bologna, Torino, Roma, Napoli) è confermato. E la piattaforma web c’è, perché il partito ci lavora da mesi, fa sapere Vaccari. Non sarà un nuovo Rousseau dem, ma una piattaforma inedita. "Insomma, il copyright sarà del Pd", sintetizza Vaccari. Molto probabile, quindi, che a differenza del Rousseau grillino, si preveda una modalità mista, dando modo ad alcune fasce ben definite (gli anziani, ad esempio, che non hanno dimestichezza col web) di votare in presenza laddove possibile, vista l’emergenza sanitaria. Insomma, nel caso non si trovasse nei territori una candidatura unitaria e le primarie in presenza come previsto da Statuto siano impossibili causa virus, allora entrerebbe in gioco la terza via. Che stavolta con Tony Blair non c’entra nulla. Resta, però, il rebus data del voto. Se verranno confermate le elezioni a maggio-giugno, significa che si dovranno organizzare primarie entro fine febbraio-marzo, mentre in caso di urne autunnali ad aprile-maggio. Vaccari rassicura: "Non ci sarà bisogno di cambiare lo Statuto. Basterà rimandare a regolamenti specifici che spiegheranno come svolgere le consultazioni". Dalla federazione bolognese resta un punto fermo: il percorso procede. E venerdì 29 o massimo sabato, si terrà la Direzione. All’ordine del giorno (se il premier Conte non cadrà prima), le Comunali. Obiettivo: trovare un nome unitario. Superpartes, come dice il consigliere regionale Giuseppe Paruolo. Che, a ’Ciao Radio’, avvisa uno dei contendenti ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?