Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
20 apr 2022

Medici di famiglia a Bologna, ne mancano 124

In base ai dati Ausl, sommando anche la provincia, si arriva fino a 288. Fabio Brinati (vice segretario dello Smi): "È uno scenario tragico"

20 apr 2022
monica raschi
Cronaca
Ambulatorio medico (foto archivio) e, sotto, Fabio Brinati
Ambulatorio medico (foto archivio)
Ambulatorio medico (foto archivio) e, sotto, Fabio Brinati
Ambulatorio medico (foto archivio)

Bologna, 20 aprile 2022 - Centoventiquattro medici di famiglia mancanti solo nella città di Bologna, con la provincia (quindi in totale) sarebbero 288. I dati emergono dall’analisi delle tabelle che vengono fornite dall’Azienda Usl di Bologna durante gli incontri sindacali. "Direi che la situazione è piuttosto tragica perché questi sono gli ultimi dati che ci sono stati forniti in autunno e che facevano una previsione di cosa sarebbe successo, ma la situazione è sicuramente peggiorata – commenta Fabio Brinati, medico di medicina generale e vice segretario regionale dello Smi (Sindacato medici italiani) –. Sono carenze che dovrebbero essere colmate a luglio ma, secondo la mia opinione, lo saranno solo in minimissima parte: è un buco nero che difficilmente si può chiudere in pochi mesi. E i medici attivi hanno un carico di lavoro che ha ampiamente superato il rapporto medico-paziente delineato dall’accordo collettivo nazionale". Un accordo che indica come il rapporto ottimale delineato sia di un medico ogni mille abitanti. Con un margine di tolleranza che può far arrivare a 1.300 il numero di pazienti a carico di ogni medico di famiglia, ma quasi tutti i professionisti, nel Bolognese, non hanno meno di 1.500 assistiti. Dai dati dell’Azienda Usl emerge poi che ci sarebbero oltre 32mila bolognesi che non hanno scelto un medico. "E’ un dato all’interno del quale ci può essere una volontarietà di non avere il medico di famiglia, ma penso che la maggior parte di persone non ne abbia la possibilità in quanto non riesce a scegliere perché quelli disponibili sono troppo lontani dalla zona in cui risiedono. Un problema che riguarda molti anziani soli", riflette Brinati che analizza anche il problema delle zone con il maggior numero di medici mancanti: Navile e San Donato. "Sono luoghi difficili, con problematiche sociali che richiederebbero un lavoro in team ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?